LIBERALIZZAZIONE DELLE LICENZE, UN’APPENDICE
16 Maggio 2009
QUANTO COSTA APRIRE UN LOCALE
26 Maggio 2009

I Finanziamenti da Torrefazioni, Aziende di Birra e Gelati

Per aprire un bar si possono veramente avere finanziamenti da aziende del caffè? Sì, ma quali cifre possiamo aspettarci e come funzionano questi finanziamenti?

 

 

Come funzionano i finanziamenti e prestiti dalle torrefazioni per aprire un bar?

Come funzionano i finanziamenti e prestiti dalle torrefazioni per aprire un bar?

E’ risaputo da tutti: le aziende di caffè, di gelati, di birre alla spina e a volte anche di vini usano, per conquistare clienti, anche la leva finanziaria, vale a dire che offrono attrezzature o soldi a chi vuole aprire un locale o semplicemente cambiare fornitore. Questo lo sappiamo in molti, ma non tutti hanno un idea chiara di come funziona e di che cifre ci si possono aspettare.

Nessuna di queste aziende è un ente di carità. Non credete alle storielle di 100.000 euro dati senza nemmeno la firma di una cambiale, con una stretta di mano; direi che salvo casi di locali dalle provate ed eccezionali potenzialità (abbastanza famoso il prestito milionario per la ristrutturazione del Gambrinus di Napoli) sono solo leggende urbane.

COME FUNZIONA IL COMODATO D’USO PER APRIRE I BAR

E' nota la politica di finanziamenti spregiudicata di Lavazza...

E’ nota la politica di finanziamenti spregiudicata di Lavazza…

Messe da parte le leggende, il concetto con cui le torrefazioni aiutano chi vuole aprire un locale è sopratutto quello delle attrezzature  e finanziamenti in Sconto anticipato. Il funzionamento di questo meccanismo è il seguente:

  • La torrefazione fa una valutazione, una stima dei quantitativi di caffè che consumerà il bar  (per esempio 2 kg al giorno) (ma quanto caffè consuma un bar al giorno? Vedete il nostro studio in questa pagina)
  • La torrefazione propone al bar uno sconto (di solito già calcolato nei listini dell’azienda) portando per esempio il prezzo del caffè da 20 a 15 Euro al chilo.
  • La torrefazione propone anche al bar di dare tutto lo sconto sul consumo stimato (quindi 5€ al chilo per i primi due anni) in un colpo solo (diciamo 3000 Euro).
  • La torrefazione distribuisce questo sconto in attrezzature (una macchina da caffè di livello medio basso costa sui 3500€)  oppure in soldi o in soldi e attrezzature.
  • Naturalmente da quel punto in poi il barista pagherà il caffè 20 Euro al chilo, lo sconto lo ha già avuto. (ma qual’è il vero prezzo delle miscele di caffè al bar? Leggete questo report, drammatico!)

Questo esempio ha a che fare con le aziende del caffè ma anche le aziende di birra o gelati fanno lo stesso, dando comodato d’uso di attrezzature con impianti alla spina o frighi per il gelato. Spesso le aziende arrivano anche un po’ più in là delle attrezzature proprie, una torrefazione può dare anche la macchina del ghiaccio (o il macinino, o la lavabicchieri) e una azienda di gelati anche un congelatore per conservare i cornetti congelati.

I PRESTITI DA TORREFAZIONI PER APRIRE UN BAR

I prestiti per aprire un bar, come funzionano?

I prestiti per aprire un bar, come funzionano?

Molte volte però chi vuole aprire un locale ha essenzialmente bisogno di capitale, sono perciò gli sghei ad essere al centro delle richieste fatte. Molte torrefazioni, seguendo questa idea hanno cominciato a fare le finanziarie vere e proprie.

Di fronte ad una richiesta di migliaia o decine di migliaia di Euro dell’imprenditore, per l’apertura ma spesso anche per la ristrutturazione di un bar, la torrefazione fa le sue valutazioni, esattamente come una banca: esami con la Centrale Rischi  (il noto CRIF) analisi dei rischi, della stabilità della struttura e di quanto rischia l’imprenditore (abbiamo visto come funzionano i finanziamenti bancari in questa pagina). In certi casi vi vengono conteggiati anche degli interessi.

Un ultimo consiglio? Contrattate, parlare di soldi è faticoso ma importante, e cercate di non dimenticare che dalla torrefazione vorremmo soldi, ma non barattiamoli con una decente qualità del caffè…

CLICCATE QUI per scoprire le date dei nostri PROSSIMI CORSI DI APERTURA E GESTIONE BAR E LOCALI e portate al corso i VOSTRI PROGETTI, LI ESAMINEREMO INSIEME!

8 Comments

  1. Raffaele ha detto:

    Purtroppo bisogna anche dare atto che, talvolta, sedicenti attività commerciali che operano nel settore e partecipate da “faccendieri”, attraverso forme di “incentivi” allettanti, induco il gestore in un circolo vizioso che porta ad un indebitamento tale da non poterne più venire a capo e questa è senz’altro una delle ragioni per cui non occorre sottoscrivere alcuna forma di contratto tra le parti.
    Trovo giusto e commerciale sostenere il gestore durante la fase di transizione da un fornitore all’altro e nella misura da lei ponderata e per capire se le reali motivazioni del cambiamento non sono solo speculative, trovo saggio(per entrambe le parti) che il nuovo fornitore si faccia carico della suddetta somma con l’equivalente di “TOT” kg di caffè da rateizzare comodamente o spalmarli sul pagamento delle successive.
    Sono daccordo sul fatto che certe leggende metropolitane vanno sfatate e che occorre un perentorio cambio di direzione nella polita commerciale fin qui adottate dalle aziende chiamate in causa.
    La fanta finanza non è nella tazzina, bicchiere o boccale che si voglia!

  2. Francesco ha detto:

    In questo modo si cerca di legare strettamente il piccolo bar di periferia alla grande azienda. Se questa formula è nata per offrire un vantaggio al piccolo imprenditore e alla grande azinda, si è auta una distorsione di tale metodologia. Infatti all’inizio la stessa era nata per favorire un nuovo canale distributivo della grande azienda, con un evidente vantaggio per il piccolo che non aveva i mezzi per iniziare. Ora, purtroppo, il piccolo imprenditore è sostanzialmente un “satellite” della grande azienda con numerosi obblighi e pochi diritti.

  3. I FINANZIAMENTI DA TORREFAZIONI, AZIENDE DI BIRRE E GELATI « aprire un bar ha detto:

    […] Leggi il post completo […]

  4. jane ha detto:

    chi mi sa dire che ditta di videogiochi da bar offre di prestare soldi al bar con collaborazione.grazie!!io sono a fino mornasco,provincia di como.

  5. antonio ha detto:

    che mi puo dire a quale azzienda di birra mi posso rivolgere?
    per avere un piccolo finaziamento.

    • mimmo ha detto:

      Ciao Antonio,
      le aziende prodittrici di birra possono farti dei finanziamenti, solamente se hai un consumo elevatissimo. Puoi rivolgerti ad un grossista di bevande e liquori.
      Saluti. mimmo

  6. Mario ha detto:

    Ciao Mimmo,sto per aprire un locale ma dovrei arredarlo da zero……per le sedie e i tavoli ho trovato dell’usato (buono),ma per il bancone non riesco a trovare niente di conveniene…..secondo te come mi dovrei muovere,posso rivolgermi a un’azienda di caffe’ o gelati per ottenere un finanziamento?……Grazie.

    • mimmo ha detto:

      Ciao Mario,
      non so’ se le aziende di caffe’ o gelati, possono ofrirti un finanziamento per un banco bar,ma puoi sempre tentare.
      Un consiglio che ti posso dare,se lo acquisterai nuovo, fatti fare piu’ preventivi possibili da diverse aziende.
      Saluti. mimmo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *