I Finanziamenti da Torrefazioni, Aziende di Birra e Gelati
21 maggio 2009
QUANTO COSTA APRIRE UN LOCALE: CREARE UN LOCALE NUOVO
3 giugno 2009

QUANTO COSTA APRIRE UN LOCALE

L’investimento necessario a comprare un bar è la prima e giustamente più importante domanda che si pone chi vuol portare avanti un progetto di questo tipo. Dalla risposta a questa domanda ci si rende spesso conto se esso può essere portato avanti o se, invece, vola troppo alto per le nostre possibilità ed è il caso di aspettare la prossima occasione.

L’investimento per l’apertura di un bar può avere una natura diversa a seconda che si voglia acquistare un bar già attivo o che si voglia costruirne uno partendo da zero.
In questo post ci occupiamo del primo caso.

Nel caso si voglia acquistare un locale già esistente l’investimento consiste sopratutto nell’esborso della cifra chiesta dal proprietario dell’attività. La cifra, che quasi sempre và dai 100.000 euro in su, è generalmente rateizzata ma richiede un congruo anticipo. Spese accessorie a questa possono essere l’acquisto delle cambiali, la parcella del notaio per l’apertura della società di gestione e la formalizzazione dell’acquisto e, se si è passati attraverso un mediatore, la percentuale dell’agenzia (spesso intorno al 2%) queste spese accessorie arrivano facilmente a 7/8000 euro.

Va da se che a queste spese bisognerà aggiungerne altre nel caso che vogliamo apportare delle modifiche al locale. Nel caso di lavori in muratura (nuove pareti? Abbattimento di altre? Creazione di nuovi bagni?) si arriva facilmente ai 15/20.000 € di spesa. Nuovi tavoli possono costare sui 150/300 € l’uno. Un frullatore professionale sui 300€.
Una volta fatte queste spese sarebbe utile avere ancora un po’ di capitale; nei primi mesi ci si potrebbe trovare a fronteggiare delle uscite senza che ancora gli incassi bastino a coprirle…
Sono stato troppo cattivo?

17 Comments

  1. fjsòsf ha detto:

    si grandssimo figlio di puttana

  2. maggy ha detto:

    non puoi abbattermi cosi…anche se è la verità!
    Non c’è nessuno che mi vuole per gestire un bar….sono un otiima barista!!

  3. panic ha detto:

    si ma i costi di ristrutturazione?? mettiamo caso voglia fare una catena di pub-bar a nome di una mia impresa dovrei ristrutturare i bar appena acquistati e modificarli a fine di farli somigliare l’uno con l’altro… so che sono cifre troppo variabili ma mi puoi dire una cifra approssimativa tanto per farmi un’idea?

  4. panic ha detto:

    a scusa non avevo visto il continuo

  5. angela ha detto:

    buondì!
    Nel caso troverei un bar,magari a costo non elevato proprio xè non lavora, io potrei rilevarlo e poi spostarmi con banconi e varie in un altra zona ovviamente sempre della città? cioè! io sono di busto arsizio,compro un bar zona borsano e lo sposto zona centro…è possibile farlo? anche se il contratto di locazione non è in scadenza? grazieeeee

    • mimmo ha detto:

      Ciao Angela,
      magari fosse tutto cosi’ semplice!!
      Purtroppo esiste un piano regolatore anche per le licenze e quindi non e’ affatto possibile spostare una licenza dove uno vuole. Per conoscere le distanze massime, per poter spostare una licenza devi rivolgerti presso l’assessorato al commerecio del tuo comune.
      Saluti. mimmo

  6. alex ha detto:

    beh io mi sono comprato un bar ma nn ho speso così tanto… avrò speso la metà di quello ke dice lui…

  7. maggy ha detto:

    io ce l’ho fatta…7 mesi fa ho comprato un piccolo bar sviato, l’ho pagato un quarto di quello che dice lui e lo sto tirando su…..ma è molto faticoso e a volte mi chiedo chi me l’abbia fatto fare…. magari quando lo rivenderò avrò delle piccole soddisfazioni!!!

  8. Fabio ha detto:

    Salve a tutti io esercito come consulente e mediatore proprio nel settore commerciale e spesso mi capita di effettuare consulenze per compravendita di Bar. Gli scenari da valutare sono due. Il primo e’ realizzare da zero un locale come spesso suggerisce chi commercializza arredi ed attrezzature, oppure sta’ intentando una apertura di franciaising nel settore(per ovvi motivi), ma spesso si deve necessariamente avere dei buoni capitali di partenza, oltre a sostenere comunque le spese “nascoste” che sono spese facenti parte di una operazione commerciale (fee di ingresso, royalty e quantaltro)Sintetizzando arriviamo a fondo a tutto questo per aprire ma cosa accade? non abbiamo riferimenti quotidiani sugli incassi e non sappiamo su quanto possiamo fare affidamento per sopperire quantomento alle spese quotidiane a meno che non ci siano altre entrate con le quali fare fronte. Fase due, acquistare un bar anche poco avviato, pagarlo il giusto e rianimarlo con la propria forza ed entusiasmo, gurdando dove il precedente proprietario e conduttore aveva abbassato la guardia. Spesso avviene per stanchezza e esaurimento di stimoli, e quindi molto piu’ spesso le new entry provocano ovviamente una rivalutazione del locale. Quindi forza e coraggio se vi batte il cuore alla vista di un locale quello e’ il vostro e con tutte le difficoltà del momento di crisi che passiamo riuscirete a togliervi delle soddisfazioni.
    ps

    Le autorizzazioni sono in quasi tutti i Comuni liberalizzate quindi protrete spostarle dove volete e i canoni di locazioni sono disdicibili dando un preavviso sei mesi prima.
    A vostra disposizione per qualsiasi consiglio
    [email protected] (Livorno)

  9. Fabio ha detto:

    replay per mail

  10. Carlo ha detto:

    Salve,
    Ho 27 anni. Ho lavorato in un hotel 5 stelle a Venezia e ho sempre lavorato d’estate nelle stagioni al mare. Ho molta esperienza in campo amministrativo quindi me la cavo molto bene con i ricavi bilanci e tutto ciò che riguarda la gestione. Sto cercando un socio di capitali per acquistare un bar a Cagliari. Se siete interessati mandate una mail a [email protected]

  11. leonardo ha detto:

    secondo voi un bar cn dentro un panificio la cucina e sisal quanto si spenderebbe?

  12. Romano ha detto:

    Ciao a tutti! Vorrei aprire un bar. Quanto potrebbe costare la licenza? Grazie.

  13. giuseppe ha detto:

    salve, con questa email volevo chiederle un opnione, sono intenzionato ad aprire un bar/pub, fortunatamente nel mio caso ho la disposizione di un locale a bassissimo costo. un bancone da barman accessoriato, macchinette da gioco ecc. La mia domanda è oltre a queste spese che per mia fortuna mi costerrebbero davvero poco. Ci saranno e quali sono le altre spese da affrontare?? in attesa di vostre risposte, la ringrazio in anticipo per la cortese attenzione.
    Distinti saluti
    Giuseppe di feo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *