FINANZIAMENTI A FONDO PERDUTO E TASSO AGEVOLATO PER APRIRE UN BAR
27 ottobre 2008
COME VIENE FATTO IL TÈ 1/ IL TÈ NERO, VERDE E BIANCO
11 novembre 2008

Come Mettere Tavoli e Spazi Esterni al Bar: Permessi e Regolamenti

I permessi  per occupazione suolo pubblico con tavoli, dehor e spazi esterni del bar. Gli ultimi regolamenti 2017.

 

I permessi di occupazione del suolo pubblico per bar, quanto pagherà questo locale di Parigi?

I permessi di occupazione del suolo pubblico per bar, quanto pagherà questo locale di Parigi?

Uno spazio esterno può fare, nella bella stagione, la differenza fra la vista e la morte, e nella mia carriera di ristoratore ho davvero visto locali non riuscire a raggiungere bilanci sufficiente proprio perché la loro mole di lavoro calava moltissimo, d’estate, non avendo spazi esterni. La possibilità di mettere tavolini e di organizzare spazi di servizi all’esterno del locale, del bar o del ristorante, detti anche verande, giardini, dehor e strutture temporanee movibili, è generalmente regolamentata da ordinanze comunali, che possono essere leggermente diverse da comune a comune.

Il rilascio del permesso risponde in parte a regole precise ed in parte alla valutazione del singolo caso, ma in ogni caso le regole con cui vengono rilasciati i permessi di occupazione del suolo pubblico (che tecnicamente parlando viene definito come tutto ciò che viene appoggiato o che proietta la propria ombra a terra sul suolo pubblico) sono dettate dalla logistica e dalla sicurezza: intralcio o pericolo al passaggio di auto (e ambulanze, per esempio) ostacolo al passaggio pedonale, ostruzione di elementi che necessitano accesso (tombini) rischio di provocare disagio o pericolo al traffico etc…

I REGOLAMENTI PER L’OCCUPAZIONE DI SUOLO PUBBLICO DEI BAR

Lo spazio esterno di un bizzarro locale in Vietnam

Come per molta altra legislazione italiana, i  regolamenti per la realizzazione di spazi esterni al bar sono su base comunale, ma se spulciamo i vari regolamenti ci rendiamo conto che vengono più o meno sempre richieste le stesse cose. Fra le regole più consuete:

  1. Una lunghezza massima dello spazio sul marciapiede che non vada oltre gli affacci (vetrine, porte)del locale stesso: In certi casi può essere possibile farlo più largo, se non sono presenti porte private o altre attività.
  2. Tende o ombrelloni di color crema chiaro o (più spesso) bianco panna.
  3. Uno spazio libero al passaggio pedonale sul marciapiede di almeno un metro e mezzo.
  4. Uno spazio lasciato libero al passaggio automobilistico che in molti regolamenti deve essere almeno di 4 metri.
  5. La richiesta di realizzazione delle strutture esterne in metallo e plexiglas o vetro con piante ornamentali che, secondo il regolamento comunale di Catania devono essere  “arbustive sempre verde, a foglia medio piccola e prive di elementi urticanti o spinose con una altezza massima non  superiore a mt,1,20”.

I cinque principali regolamenti per gli spazi esterni

DOVE E COME SI CHIEDE IL PERMESSO TEMPORANEO O PERMANENTE PER METTERE I TAVOLINI ESTERNI DI UN BAR

Il percorso per avere l’autorizzazione per mettere i tavolini fuori si inizia portando al SUAP (Sportello Unico Attività Produttive, abbiamo visto di cosa si tratta in questo post) una serie di documentazioni. Per esempio, se andiamo a vedere andiamo a vedere cosa ci chiede il comune di Roma troviamo nel regolamento del 2017 richieste come:

  • Denominazione o ragione sociale, sede legale, codice fiscale e partita IVA dell’ente
    società richiedente nonché generalità complete e residenza del legale
    rappresentante.
  • Ubicazione e delimitazione della parte di suolo pubblico oggetto della richiesta;
    superficie o estensione lineare dell’occupazione.
  • Durata e giorni dell’occupazione se temporanea o permanente ricorrente.
  • Attività che si intende esercitare sul suolo pubblico con gli estremi della relativa autorizzazione – ove prescritta- e dell’autorità che l’ha rilasciata.
  • Stralcio planimetrico della strada, piazza o simile in scala 1:50.
  • Pianta della strada, piazza o simile in scale 1:200 con l’indicazione delle occupazioni di suolo pubblico e degli elementi di arredo già esistenti – tra cui gli scivoli di raccordo tra i marciapiedi e la sede stradale e i segnali/percorsi tattili per disabili visivi – e di quelli richiesti.
  • Sulle strade percorse dal Trasporto Pubblico dovrà essere indicata l’eventuale presenza di fermate ed attestata la percorribilità del mezzo pubblico;
  • Particolari in dettaglio delle attrezzature previste in scale non superiore a 1:50.
  • Tre foto d’ambiente e tre foto di dettaglio dell’area dove ricade l’occupazione prevista, di formato non inferiore a cm. 18X 24.
  • Una relazione tecnica firmata da un tecnico abilitato (geometra o similare).

A quel punto l’ufficio si prenderà tempo (di solito 30 giorni) per darci una risposta e, spesso, per chiederci delle modifiche, apportate le quali potremo strutturare il nostro spazio esterno o, semplicemente, mettere fuori i tavoli del nostro ristorante o bar.

QUANTO COSTA LA TASSA PER METTERE  I TAVOLINI FUORI DAL BAR

Il dehor esterno di un bar di Londra

Il dehor esterno di un bar di Londra

La richiesta di occupazione del suolo pubblico per il gazebo che inoltriamo al SUAP costa, per quello che abbiamo visto nei siti dei vari comuni italiani, da 50 a 100€ di marche da bollo e richieste di autorizzazioni. A questo dovremo aggiungere l’onorario per il perito, geometra o quant’altro, che preparerà le relazioni tecniche. A questo punto, e a scadenza periodica, dovremo pagare  la tassa per l’occupazione del suolo pubblico (definita COSAP Canone Occupazione Suolo Area Pubblica), che può variare moltissimo da città a città e da area a area: per dare una idea di massima diciamo che va da 20 a 80€ a metro quadro per anno; per darvi però una idea di quanto possa essere complessa questa parte vi manderemo a vedere come regolamenta il comune di Milano l’occupazione del suolo pubblico nelle varie piazze, trovate qui il link.

Se abbiamo dedicato questo post agli argomenti burocratici inerenti la realizzazione degli spazi esterni per bar e ristoranti, su questo post vogliamo essere più divertenti, e abbiamo dedicato un post anche agli aspetti estetici (lo trovate qui) uno sui nebulizzatori per rinfrescare gli spazi esterni (lo trovate qui) e uno su come arredare un giardino urbano.

CLICCATE QUI per scoprire le date dei nostri PROSSIMI CORSI DI APERTURA E GESTIONE BAR E LOCALI e portate al corso i VOSTRI PROGETTI, LI ESAMINEREMO INSIEME!

Tags:
  • esterno
  • 7 Comments

    1. mimmo ha detto:

      questo dovrebbe essere un appello da fare a molte amministrazioni comunali, le quali devono considerare gli spazi dei centri storici, adibiti per servizio esterno per i pubblici esercizi,ad un’attrattiva in piu’ per il cittadino ed i turisti in genere, in quanto nella citta’ o nel paese non si fermano solamente per visitare paesaggi, musei o fare shopping. Quindi di non cosiderare sempre i gestori a dei polli da spennare,che poi a sua volta certi costi sono costretti ripercuoterli sul consumatore finale. Mimmo.

    2. gabriele ha detto:

      Giustissimo, e devo dire che l’atmosfera delle sere d’estate fiorentine con i tavoli per strada é veramente piacevolissima; l’impressione è che i turisti la godano tantissimo, e anche noi!

    3. […] Fonte I TAVOLI NEGLI SPAZI ESTERNI DEI BAR By admin in Articoli  .::. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 feed. You can leave a response, or trackback from your own site. […]

    4. […] 7 Novembre 2008 di gabriele Leggi l’articolo […]

    5. […] locale? Con quali regole?  Qual è il ruolodel notaio? Quale società costituire? Mettere uno spazio all’esterno? Cosa sono gli studi di settore? Come lavorare con i familiari? I documenti fiscali, le […]

    6. Mary ha detto:

      Se il comune mi rilascia l’autorizzazione per poter mettere i tavoli sul suolo comunale, dopo pochi giorni può decidere di farmeli togliere??

      • domenico marchi ha detto:

        Ci sono delle normative da rispettare e se i tavoli vengono fatti togliere probabilmente non sono state rispettate.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *