Vendo grazioso bar con “cucina veloce “per pausa pranzo
11 Gennaio 2021
Attività di bar con annessa panetteria (bakery) Rivoli
5 Maggio 2021

Come Mettere una Insegna per un Bar?

Quanto costa fare un insegna per un bar? Quali sono i regolamenti? Tutto quello che c’è da sapere sul come mettere un’insegna per un bar.

Un'insegna davvero storica, quella del bar Zucca di Milano. Ma quanto costa fare l'insegna di un bar?
Un’insegna davvero storica, quella del bar Zucca di Milano. Ma quanto costa fare l’insegna di un bar?

Stiamo lavorando sul nostro nuovo locale, abbiamo identificato la location, portato a termine le trattative e fra poco avremo le “Chiavi in mano”, è quasi il momento di passare alla fase operativa.

Questa fase sarà massicciamente incentrata sul lay out e sull’arredamento del bar, ma a riguardarci non sarà solo l’interno del locale, dovremo prendere in considerazione anche l’esterno, e soprattutto una componente fondamentale, dell’arredamento e della comunicazione: l’insegna.

Sulle insegne le scuole di pensiero sono diverse, per alcuni devo essere grandi, supervisibili e illuminate, per altri piccole o quasi assenti, magari sostituite da una piccola placchetta laterale. Queste visioni rappresentano diverse mode (insegna grande e luminosa anni fa, più piccola adesso) ma anche diversi contesti (insegna grande in luoghi di fortissimo passaggio o quando il locale deve essere visibile a distanza, piccola nelle viette dei centri storici). Ma, qualunque sia la nostra idea o necessità: quanto costa mettere una insegna per un bar? Qual’è la procedura per installarla? Vediamolo insieme.

COME CREARE UNA INSEGNA PER UN BAR?  

Primo passaggio: la creatività, possibilmente la nostra, non quella del grafico, che arriverà dopo.

Si, in questa fase sarebbe davvero utile metterci noi, matite alla mano, a immaginare e schizzare la nostra insegna. Essa dovrà parlare di noi e tener conto di molti aspetti:

  • Il tipo di locale che vogliamo aprire. Una classica caffetteria di passaggio potrebbe avere bisogno di una insegna importante e visibile. Un localino serale un po’ di nicchia potrebbe preferire una immagine “più discreta”. Pensiamo bene all’immagine che vogliamo dare al nostro locale.
  • Le dimensioni del bar. Un locale molto grande, curiosamente, potrebbe accontentarsi di una insegna piccola,  mentre una porticina di ingresso potrebbe necessitare di maggior visibilità
  • Il contesto intorno. Affollato? Spazi molto grandi? Passaggi prevalentemente automobilistico o pedonale? Stradina di campagna? Mettiamoci nei panni del nostro pubblico…
  • Spazi dove poter applicare, fisicamente, l’insegna. Elemento non da poco: inutile immaginare insegne enormi se poi non sappiamo dove collocarle…

Finito di schizzare il disegno della nostra insegna? Ottimo, questo è il momento del grafico. Lui ci suggerirà miglioramenti e alternative, proporrà materiali con cui costruire la nostra insegna (un certo disegno può andar bene su un certo materiale di supporto, ma non su un altro) e… adatterà la nostra idea a ciò che le autorità comunali permettono. 

Si, perchè i regolamenti comunali per le insegne possono, soprattutto nei centri storici, essere molto rigidi.

A questo tema avevamo già dedicato anni fa questo post, ma come esempio possiamo riportare cosa prescrive il Comune di Firenze nel suo “regolamento sulla pubblicità”.

                 “ART. 10 CONTENUTO DEL MESSAGGIO PUBBLICITARIO

1. Il messaggio pubblicitario deve garantire il rispetto della dignità umana e dell’integrità della persona; non può veicolare discriminazioni dirette o indirette su razza o origine etnica, religione o convinzioni personali, disabilità, età o orientamento sessuale, né contenere alcun incitamento all’odio; non può veicolare messaggi che approvino, esaltino o inducano alla violenza, che richiamino la mercificazione del corpo, che veicolino messaggi o immagini allusive o che facciano esplicito riferimento ad attività di spettacoli a sfondo erotico.

2. Nella Zona Unesco, i bozzetti pubblicitari devono garantire sobrietà ed essere rispettosi del contesto storico e architettonico circostante. A tal fine ogni variazione del messaggio pubblicitario deve sempre ottenere apposito provvedimento autorizzatorio previa presentazione di specifica istanza.

ART. 12 NORME DI RISPETTO

2. Gli impianti pubblicitari non debbono occultarsi reciprocamente.”

QUANTO COSTA FARE UN INSEGNA PER UN BAR?

Nella prima parte di questo post abbiamo introdotto tre elementi fondamentali per una insegna:

  1. Disegno
  2. Dimensioni
  3. Materiali

Facile capire, a questo punto, come i punti 2 e 3, dimensioni e materiali, siano decisivi per capire quale sia il prezzo di una insegna da bar. A questi elementi aggiungiamo anche l’illuminazione dell’insegna.

La rete è piena di siti di aziende che producono insegne e non è difficile farci fare un preventivo per l’insegna online, inserendo vari dati tra i quali, a volte, anche una foto dell’ingresso del locale. Indagando un po’ abbiamo individuato un range di prezzi per le insegne di un negozio e di un bar.

Un’insegna illuminata (a meno che il nostro non sia un locale che chiude alle 18) sicuramente attira più l’attenzione. Per quello che possiamo vedere in rete un’insegna di questo tipo, immaginata su un ingresso di 2,50mt di lunghezza e alta 60 cm, viene dai 220 ai 450€.

Una insegna illuminata di un bar. Insegne di questo tipo possono costare da 100 a 300€
Una insegna illuminata di un bar. Insegne di questo tipo possono costare da 100 a 300€

Il prezzo salirà se l’insegna è retroilluminata (quindi realizzata su un supporto che lascia trasparire la luce dietro).

Un’insegna non illuminata delle stesse dimensioni avrà costi chiaramente più bassi, dai 120 ai 400€. In questo caso, in assenza di illuminazione, l’insegna dovrà farsi notare per il disegno e magari per i materiali.

Le dimensioni saranno più piccole se l’insegna è bifacciale (a bandiera). Questo tipo di è perfetta sugli angoli e può essere vista da entrambi i sensi di marcia Il prezzo in questo caso dovrebbe oscillare dai 300 ai 500€. 

Una insegna "a bandiera" con logo sui due lati.
Una insegna “a bandiera” con logo sui due lati.

Poco usate al giorno d’oggi, e più costose, sono le insegne “a lettere scatolate” con ogni lettera a comporre l’insegna contenuta in una “scatola” illuminata. Per questo tipo di insegna non siamo riusciti a trovare preventivi attendibili, fateci sapere!

Una soluzione poco usata oggi per le insegne di negozi e bar è quella "a lettere scatolate"
Una soluzione poco usata oggi per le insegne di negozi e bar è quella “a lettere scatolate”

Molte delle  aziende a cui possiamo rivolgerci per un preventivo si occupano anche dei rapporti con gli uffici comunali, inviando loro relazioni, planimetrie e quanto altro richiesto per l’approvazione.

Parlando di questo non dimetichiamoci che su queste insegne, in molti casi, dovremo pagare delle tasse comunali, trovate in questo post tutte le informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *