APRIRE UN PUB, ANZI GONFIARLO
13 Settembre 2010
ASSISI (PG), AFFITTASI AVVIATISSIMO CAFFÉ-BAR CON LICENZA
29 Settembre 2010

LA TASSA SULLE INSEGNE DEI BAR E RISTORANTI

E’ vero che bar e ristoranti pagano le tasse sulle insegne? Vediamo come funziona l’imposta sulle insegne e pubblicità dei bar e un esempio pratico su come calcolarla.

La imposta sulle insegne dei bar si paga sulle sue dimensioni in metri quadrati. Se l’insegna fosse a doppia faccia dovrà essere calcolata l’estensione di entrambe le facce.

La legislazione italiana, nel articolo 2 bis della legge 75 del 24 aprile del 2002 chiarisce che una insegna è “Una scritta in caratteri alfanumerici realizzata e supportata con materiali di qualsiasi natura installata nella sede dell’attività o nelle pertinenze accessorie dell’attività stessa”

Su queste insegne, come strumento pubblicitario, si paga una tassa, chiamata “Imposta comunale sulla pubblicità”. Questa tassa viene naturalmente declinata in molti modi, a seconda del mezzo pubblicitario e di cosa promuove (dal manifesto per lo spettacolo teatrale all’annuncio di “affittasi” per una abitazione) nel caso di un negozio, bar o locale sarà fatto un “calcolo superficie insegna pubblicitaria” si misureranno cioè i metri quadrati dell’insegna, e a seconda della sua estensione si pagherà la tassa.

In questo stesso post abbiamo riportato, per diversi anni, abbiamo potuto rispondere molto ottimisticamente ad una classica domanda “Quando non si paga la tassa sull’insegna del negozio?”. Le fonti che avevamo infatti segnalavano che questa imposta sulla insegna non era dovuta se questa misurava meno di 5 metri quadrati. 

Il testo qui sotto, in corsivo, è quello che riportavamo prima. Dopo aver spulciato alcuni regolamenti comunali, la realtà sembra adesso diversa.

L’imposta comunale sulla pubblicità è dovuta per insegne superiori ai 5 metri quadri e viene calcolata sulla superficie totale dell’insegna, comprensiva di cornici, quindi per un’insegna di 7 metri quadrati con una scritta di due metri quadri si pagano comunque per 7 metri.

C’è da dire che le superfici fra i 5,50 e gli 8,50 metri sono sottoposte ad una maggiorazione del 50% sulla tariffa base e quelle di oltre 8,50 metri pagano invece una maggiorazione del 100%, la stessa maggiorazione è richiesta per le insegne luminose. Sono sottoposti a pagamento anche i cassonetti luminosi della pubblicità, per esempio, del caffè, quando questi appaiono insieme all’insegna dell’attività.

Cosa fare? Il gestore del bar, prima di iniziare la pubblicità deve presentare al comune la dichiarazione dei mezzi pubblicitari utilizzati riportante superficie e grafica dell’insegna. Stessa operazione deve essere fatta in caso di variazione di una insegna esistente.

L’esempio pratico del canone annuo di un’insegna luminosa di 5.75 MQ può essere il seguente:

  • tariffa base 13,63
  • +50% per superficie oltre i 5,50MQ  6.81
  • Aumento 100% per luminosità  13,63

Totale imposta per 6mq (arrotondato al mezzo metro superiore) 204,42

L’IMPOSTA SULLE INSEGNE NELLE CITTÀ’ ITALIANE

Una bella doppia insegna a bandiera a Palermo. Quanto si paga di imposta comunale sulla pubblicità in questo caso?
Una bella doppia insegna a bandiera a Palermo. Quanto si paga di imposta comunale sulla pubblicità in questo caso?

Come detto, quello sopra in corsivo è il vecchio testo. Dobbiamo aggiornarlo, soprattutto tenendo conto che le imposte sulle insegne sono, appunto, comunali, e a livello comunale viene deciso il loro ammontare.

Per fare un esempio pratico del calcolo della superficie di una insegna pubblicitaria e della relativa imposta, pensiamo ad un’insegna illuminata (ma non retroilluminata, quindi con un faretto che la illumina ma non su uno scatolato con luce interna) di 3 mtq, e vediamo a che I.C.P. (Imposta Comunale Pubblicità) essa viene sottoposta nelle varie città italiane.

  • Milano:   58,89€
  • Venezia: 65,94€
  • Livorno:  65,85€
  • Bologna: con le informazioni che riusciamo a trovare sotto i 5 mq sembra sia gratuito
  • Catanzaro: come sopra
  • Udine:    49.50€
  • Palermo:  48€ (è da notare che in estate viene applicata una maggiorazione del 50% per la località turistica di Mondello)

La lista non è sicuramente esaustiva, vuole soltanto dare un’idea delle tariffe generalmente applicate.

Importante chiarire che i metri quadri sono riferiti alle misure complessive di tutte le insegne, qualora ve ne fossero più d’una, e/o di tutte le facce delle insegne (per esempio nel caso di un’insegna “a bandiera”. Se quindi una insegna misura 3 mq e un’altra insegna anche, pagheremo per 6 mq.

Ma come funziona la procedura per installare l’insegna di un bar? Anche qui la procedura varia da un comune all’altro, ma grosso modo segue questo percorso.

  1. Una volta pensata l’insegna, in scritte e grafiche, presentiamo in comune il progetto: colori, dimensioni, materiali ed eventuali spessori. Questo progetto è spesso presentato dal grafico che la ha realizzata, e che dovrebbe sapere se alcune scritte o addirittura alcuni colori non sono permessi nella zona (può succedere, soprattutto nei centri storici).
  2. Il comune si prenderà un po di tempo per approvare o meno l’insegna, qualora non fosse approvata, ci indicherà le modifiche da apportare.
  3. Una volta realizzata e installata l’insegna saremo tenuti a pagare la tassa dovuta.
  4. Entro tempo dall’apertura del locale, funzionari comunali potranno verificare se l’insegna installata corrisponde al progetto approvato.

Abbiamo comunque preparato questo post completo su “quanto costa l’insegna di un bar e come si installa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *