VENDESI BAR CAFFETTERIA A FONTANELLA PROVINCIA DI BERGAMO
18 agosto 2016
WINE BAR E APERITIVI: LE NUOVE TENDENZE DEL VINO
8 settembre 2016

COME SCEGLIERE LA MACCHINA PER L’ORZO, GINSENG E GUARANA’ PER IL BAR

Come funzionano e come si scelgono per il bar le macchine per il caffè d’orzo? Leggiamolo in questo articolo.

 

Scegliere la macchina del caffè d'orzo per il bar

Scegliere la macchina del caffè d’orzo per il bar

Pensateci bene: qual’è lo strumento, l’attrezzatura che troviamo ormai praticamente su tutti i banchi bar e che pochi anni fa praticamente non esisteva?
Non certo la macchina del caffè e il macinacaffè, veri simboli del bar. Non certo la piastra dei panini o il microonde, che magari troviamo più facilmente in locali che lavorano a pranzo. Non certo frullatori e centrifughe (come sceglierle? Vediamolo in questo post) sicuramente non presenti in tutti i locali e tagliati in prevalenza per i locali “salutistici” e da miscelazione.

No, la macchina che ormai tutti consideriamo parte integrante, presenza praticamente scontata fra le attrezzature da bar, è il plasticone, più o meno colorato, del caffè d’orzo.

Che siimo estimatori o meno di questa preparazione, abbiamo visto tutti che funziona in maniera molto semplice: il barista schiaccia un pulsante (di solito scegliendo fra caffè d’orzo, ginseng e a volte guaranà e perfino caffè decaffeinato, cioccolata e bevanda alla nocciola, e ancora scegliendo fra erogazione lunga o corta) e in pochi secondi si trova in tazza una bevanda calda, dolce e fumante.

Di fatto è una macchina vending, solo che non si mette la monetina. Quando il barista schiaccia il pulsante una quantità preselezionata di acqua calda o fredda va a solubilizzare (come il Nesquik, come l’Orzoro) una dose di polvere, di liofilizzato, e lo eroga in tazza.

Prendiamo adesso il ruolo che ci spetta, quello del barista: come si scelgono le macchine per il caffè d’orzo e ginseng? Di solito vengono fornite dalla torrefazione, come la macchina da caffè espresso. Rispetto a queste ultime è particolare la forma di controllo delle torrefazioni, che sono le uniche a poter ricaricare di prodotto queste macchine con delle apposite chiavette a codice; in pratica non possiamo averle gratis dalla torrefazione per poi mettere dentro il liofilizzato economico trovato al discount.

I prodotti liofilizzati hanno prezzi dai 40 ai 70 Euro per chilo, e considerando che per una preparazione si usa circa un grammo e mezzo di prodotto, possiamo calcolare come una tazza di caffè d’orzo ci costi dai 0,07 ai 0,10 Euro; i margini di guadagno sono quindi abbastanza ampi.

E se decidiamo di non legarci ad una torrefazione e di comprare la nostra macchina, quanto ci costerà? Abbiamo cercato un po’ in rete, trovando molti modelli, a volte anche usati, con un range di prezzo, per le macchine da bar di caffè d’orzo, da 250 a 450€.

Nel caso decidiamo di acquistare la macchina dovremo, naturalmente, farci anche carico dell’assistenza. Non sono macchine particolarmente delicate, ma il calcare può facilmente otturare i minuscoli tubicini che la alimentano. Attenzione anche alla pulizia giornaliera. Se non eseguita con cura il liofilizzato può facilmente impastare e otturare i condotti, con la macchina che si blocca nel momento meno opportuno.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *