COSTRUIRE L’IDENTITÀ DI UN BAR CON LA SCELTA DELL’ARREDAMENTO
27 luglio 2016
CASO PRATICO: SCEGLIERE UN LOCALE PICCOLO O UNO GRANDE?
1 agosto 2016

SI VIVE CON UN BAR CHE INCASSA 300€ AL GIORNO?

Si riesce a ricavare due stipendi da un  bar di provincia molto tipico, come incassi, consumi e spese? Vediamolo in questo post…

 

I conti di un bar italiano

I conti di un bar italiano

Sono molte le testate e gli istituti di statistica e di economia che hanno cercato di incasellare, di inquadrare il mondo del bar italiano. Queste ricerche, nel corso degli anni, hanno tracciato un identikit del bar italiano medio, il bar dell’angolo, quello in cui compriamo il biglietto dell’autobus o in cui entriamo per un caffè frettoloso o per un panino (spesso congelato) da pausa pranzo.

Potremmo elencare i dati di questi bar medi, quelli che la statistica ha estrapolato nelle sue ricerche, ma a farlo ci ha già pensato una nostra lettrice, che ci invia la seguente domanda:

Buonasera, lavoro da molti anni nel mondo del bar, ho quindi molta esperienza, ma ora mi trovo ad un bivio, mi hanno offerto un bar a (area di provincia in nord Italia). La richiesta è di €80.000. Il locale incassa €300/400 giorno, consuma 6/7  kg di caffè a settimana e 40/50 brioche al giorno; l’affitto è di 1000 Euro mensili. A portarlo avanti saremmo io con mio marito o mia figlia…. restando così l’incasso riusciamo a viverci?

Alla nostra lettrice facciamo intanto un complimento, per quanto esperta (o forse proprio perché esperta) non ci scrive che entrata lei raddoppierà facilmente l’incasso; ci capita spesso di sentire affermazioni del genere, e troppe volte abbiamo constatato come realizzare progetti del genere non sia facile per nessuno, per quanto esperto, creativo e pieno di entusiasmo sia.

Una nota anche sulla richiesta (80.000 Euro) per questo locale. Considerando che questo bar dovrebbe incassare, all’anno, intorno ai 90/100.000 è una richiesta non priva di fondamento. In provincia, comunque, potremmo provare a chiedere anche 10/15.000 in meno…

Venendo al conto giornaliero, al break even, facciamo due conti in questa tabella.

conti bar

Esaminandola ci rendiamo conto che il locale ha dei margini di guadagno (ricordiamoci che la lettrice ci scrive che incassa 300/400€ al giorno, un incasso medio, come vediamo in questo post) sopratutto perché non ha costi di personale dipendente (qui troviamo un’intervista al consulente del lavoro) e ha un affitto che, se non bassissimo, è abbordabile. Non sappiamo però se il bilancio di questo locale, e quindi il conto giornaliero, sarà gravato anche da eventuali mutui, rate o finanziamenti da pagare. Spesso quest’ultimi sono zavorre pesantissime da portare per i locali appena aperti…

 

Tags:
  • caso pratico
  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *