LE DIFFICOLTÀ DI GESTIONE DEI BAR. QUANDO I LOCALI CAMBIANO SPESSO DI PROPRIETÀ
16 novembre 2010
APRIRE UN BAR A VARESE
24 novembre 2010

COME CREARE UNA CARTA MENÙ DEI VINI AL BAR

Analizziamo come si organizza una carta dei vini per un wine bar o per organizzare un aperitivo con vini e spumante.

P1000659aOrganizzare una carta, un menù dei vini e spumanti per un ristorante, un bar o un wine bar e cosa da fare con attenzione. Con attenzione perché intanto rappresenta il biglietto da visita del locale e di conseguenza deve essere compilata bene ed in ordine (e tutto ciò che viene elencato, deve essere disponibile in quel momento). Grazie all’uso del PC non esistono quasi più carte dei vini scritte a mano: qualora lo si debba fare, anche per questioni di stile, allora essa deve essere redatta con una grafia elegante e leggibile.

Vi sono alcune regole da seguire quando si stende una carta dei vini:

  • – Limitare innanzitutto il numero dei vini per ogni pagina, ben distanziati da solo e con nome del produttore, annata e prezzo.
  • – Se il vino è esaurito deve essere contrassegnato con un asterisco ed una nota a piè pagina, segnalando la momentanea non disponibilità.
  • – La carta dei vino deve essere sempre aggiornata, compilata magari con la collaborazione di un sommelier professionista. E’ consigliabile aggiornarla due volte l’anno, primavera ed autunno, poiché nei periodi invernali ed estivi di solito la clientela preferisce altri tipi di vini (freschi d’estate, rosati e bianchi), a temperatura idonea non fresca d’inverno.
  • – Anche la grafica ha la sua importanza: è consigliabile girare sempre nei locali della concorrenza per poter studiare le altre carte dei vini, come si presentano.
  • – La copertina delle carte importanti può presentarsi in cuoio e velluto, o anche in pergamena. Presentare vini di qualità in una classica carta fatta di fotocopie non è il massimo…
  • – La carta dei vini deve essere pulita e ordinata; se si macchia, va sostituita e pertanto va stampata sempre in un certo numero di copie proprio per sostituire quelle rovinate.
  • – Nelle carte importanti vi è sempre il nome del sommelier che ha stilato la carta, la denominazione completa del ristorante o winbar, compreso indirizzo e sito web (se disponibile).

Nei wine bar si tende a privilegiare spumanti, soprattutto secchi, e vini fermi e non. E’ consigliabile proporre una lista di spumanti prodotti all’interno della propria Regione di appartenenza (se ve ne sono) e non i soliti spumanti conosciuti: per questo motivo è importante la conoscenza di ciò che si propone al cliente.

E come organizzare il buffet? Qui alcuni suggerimenti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *