COME CREARE UNA CARTA MENÙ DEI VINI AL BAR
19 Novembre 2010
VALUTARE LA RICHIESTA PER L’ACQUISTO DI UN BAR
1 Dicembre 2010

APRIRE UN BAR A VARESE

Prendere in gestione un bar a Varese o aprire una attività nella stessa provincia, significa fare i conti con le problematiche che affliggono tutta italia: molta competizione e offerta ristretta, per avere successo servono idee innovative e ragionate.

varese_piazza-montegLa situazione di Varese, provincia florida e dinamica della Lombardia non sembra essere, per quello che riguarda i pubblici esercizi, molto diversa da quella di altre zone d’Italia.

Le licenze sono, naturalmente liberalizzate, e sono molte le attività che hanno aperto dal nulla, finendo, molte di queste purtroppo, per chiudere dopo poco tempo o comunque per iniziare un doloroso turn over di cambi di proprietà e nuove gestioni  di bar e attività.

Il motivo di questi insuccessi, come spesso accade, sta nell’impreparazione e nella scarsa professionalità e nella mancanza di una accurata valutazione della locazione. Oltre a questo c’è da dire che, come in altre zone d’Italia, anche qui si è assistito a quel mix di calo del lavoro conseguente alla crisi ed ad una incertezza diffusa che, unito all’aumento di attività sul mercato ha fatto si che la magra torta da spartire non bastasse per tutti.

Parlando di Varese “city” la zona più interessante per aprire una attività sembra essere ancora quella di piazza della Repubblica e piazza Montegrappa; come sempre in città relativamente piccole è importante ragionare come a volte basta uscire di pochi metri dalle traiettorie di passaggio per vedere un consistente calo del passaggio davanti al locale. Fra le tipologie che negli ultimi anni sembrano aver avuto più successo nella cittadina Lombarda ci sono le enoteche e le gelaterie, ma anche alcuni modelli di caffetteria innovati.

Gli affitti sono spesso alti per un bar, e arrivano facilmente (in centro città) a 2500€ al mese.

3 Comments

  1. Lucio ha detto:

    Aprire un bar a Varese….Le icenze sono liberalizzate?? Ma dove? Siamo in italia e c’è un piano realizzato da camera di commercio con il comune per il numero max di licenze , se telefonate in comune vi diranno che siamo gia oltre il max previsto per la zona centro!!!!
    Non diciamo + sciocchezze..dovreste essere dei professionisti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!1

  2. Gera ha detto:

    Ciao, premettendo che l’articolo e’ piuttosto vecchiotto e che alcune cose sono cambiate vorrei fare una domanda molto semplice: secondo voi Busto Arsizio potrebbe mai crescere abbastanza da diventare “concorrenza” o almeno una alternativa alla vita notturna o sociale di Gallarate?
    La domanda viene dal fatto che sto per aprire una “sala da the/cioccolateria/bakery” e sto cercando di capire se la saturazione di questo tipo di locali a Gallarate possa spingere la gente a cercare nuovi posti da frequentare nella vicina Busto Arsizio.
    Mi accodo ai molti complimenti per il sito visto che ho trovato risposte a molte mie perplessita’ col solo dare un’occhiata veloce! 🙂
    Grazie Gera

  3. Flavio ha detto:

    Vorrei prendere un bar in gestione cosa dite è un magro affare visto i tempi che corrono ciao grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *