Mangiarsi libri? E' quello che bisogna fare, quando cominciamo a pensare a come sarà il nostro locale!
Osservare, Leggere, Conoscere: Aprire un Bar è un Fatto di Cultura
22 Luglio 2008
valutazione dei costi - grafico
Scrivere il Business Plan di un Bar: Valutare gli Incassi
31 Luglio 2008

COS’E’ Il REC PER APRIRE BAR E RISTORANTI

Come funziona il REC come requisito per l’apertura di bar e ristoranti. Cos’è l’ex REC e la normativa del  SAB per l’apertura di un bar, un locale o un ristorante.

Come funziona il REC, o ex REC, per aprire un locale.

Come funziona il REC, o ex REC, per aprire un locale.

Il REC è una formulina che pare inoffensiva ma che, partendo con l’intenzione di aprire un bar, farà perdere un sacco di tempo e di energie: non sono pochi coloro che ho visto fermarsi a questo primo faticoso scoglio.

COME SI OTTIENE IL REC PER L’APERTURA DI UN LOCALE

Il Registro Esercenti il Commercio (R.E.C.) è il registro in cui dovevano iscriversi tutti coloro che intendevano esercitare un’attività commerciale. Attualmente è in corso un processo di semplificazione in questo senso, e adesso si richiede, per l’apertura di un bar, di “Requisiti professionali”.

La differenza è quasi filosofica: nel concetto di R.E.C. il barista viene iscritto, una volta superato l’esame, ad una specie di albo professionale, come quello dei medici o degli architetti. Nel concetto dei requisiti professionali non viene richiesta alcuna iscrizione, chiunque può aprire un bar; deve però dimostrare di saperlo fare, di aver imparato come gestire un locale.

Potrà dimostrare di averlo imparato attraverso:

  • Aver studiato materie inerenti (come la scuola alberghiera)
  • Aver lavorato in questo campo
  • Avere un preposto
  • Avere (appunto) ottenuto il vecchio REC
  • Aver preso parte ad un corso SAB

Il concetto dei “Requisiti professionali” sarà il sistema usato in futuro, tanto che per il sistema REC si parla, anche nelle pubblicità internet, di corso SAB o ex REC per aprire bar e ristoranti.

C’è però da dire che il programma di un corso SAB è stato, dalle regioni, largamente fotocopiato su quello dei corsi R.E.C.

Anche in questo caso abbiamo infatti sezioni del corso dedicate alla merceologia, altre alla parte fiscale, altre ancora al marketing o all’igiene (includendo spesso la parte HACCP).

Vediamo qui sotto, nel dettaglio, il programma del corso R.E.C.

PROGRAMMA DEL CORSO REC O EX REC

Il programma del corso per ottenere il R.E.C. per aprire un bar o ristorante può variare da regione a regione, perfino nella durata del corso, che da regione a regione può variare da 120 a 160 ore.

Con le ore di corso cambiano anche le materie e il numero di ore che gli vengono dedicate. Per dare un’idea abbiamo preso il programma di un corso SAB ex REC della Camera di Commercio di Roma, che lo suddivide così.

  • Diritto commerciale ed amministrazione aziendale (16 ore)
  • Legislazione del commercio (18 ore)
  • Legislazione fiscale (16 ore)
  • Legislazione sociale e penale (16 ore)
  • Tecniche di vendita (10 ore)
  • Legislazione igienico-sanitaria (14 ore)
  • Procedure di autocontrollo e sicurezza, sistemi di analisi dei rischi e di controllo dei punti specifici, responsabilità, sanzioni (4 ore)
  • Merceologia alimentare (26 ore)

Il programma del corso può essere leggermente diverso a seconda di chi lo organizza, ma la legge richiede comunque alcuni argomenti come obbligatori.

Come potete vedere, per la maggior parte il corso REC è incentrato sulla merceologia e la conoscenza dei prodotti, ma ne fanno parte anche materie come la normativa assistenziale e fiscale per i locali, l’uso degli strumenti finanziari e perfino, in alcuni corsi, il marketing e le tecniche di vendita.

Il corso è molto spesso tenuto da strutture come la Confesercenti e la Confcommercio ma spesso sono anche strutture e scuole private a proporre i corsi.

l’esame è tenuto (o meglio si teneva) generalmente dalla Camera di Commercio. Si compone di una prova in forma scritta, su quesiti predisposti dalla commissione d’esame, ed una in forma orale mediante colloquio. Sono ammessi alla prova orale soltanto coloro che superano la prova scritta. L’iscrizione all’esame comporta una tassa di circa 80 euro.

P.S. come già annunciato in questo post, negli anni successivi il REC è stato sostituito dal concetto del SAB e dei requisiti professionali, scopriteli nei post a loro dedicati.

Successivamente abbiamo anche scritto un post su come avere i requisiti professionali, e quindi l’ex REC senza dover sostenere l’esame. Trovate il post in questa pagina.

168 Comments

  1. sep ha detto:

    Per me questa non è burocrazia è scuola. E’ un po’ come la patente di guida. Non ci si può improvvisare imprenditori, altrimenti si chiude o si finisce nei guai.

  2. gabriele ha detto:

    Sono perfettamente d’accordo con te Sep, per questo ritengo che sia più che fondamentale studiare, conoscere ed esaminare ogni possibile dubbio in termini di cultura e di analisi del punto vendita prima di investire un solo euro.
    Nella mia esperienza purtroppo ho visto proporre spesso e anche dalle istituzioni il corso REC (come quello HACCP) come una tassa da pagare, un po’ come viene spesso proposta, tornando alla tua metafora, la parte di teoria durante la scuola guida: una parte inutile, al massimo divertente, ma che è solo uno scoglio capzioso da superare prima di fare le cose serie.

  3. Erika ha detto:

    Ciao,
    i tuoi articoli sono veramente utili ed esplicativi…
    Io vorrei aprire un chisco estivo ma durante l’anno faccio tutt’altro lavoro…Per avere il REC basta una laurea qualsiasi e poi fare l’esame??

  4. manfredo ha detto:

    sendo voi avendo i requisiti per partecipare ma non avendo mai avuto esperienze, è utile (oltre che indispensabile) in funzione di un’eventuale apertura di questa attività? vorrei rilevarne una se e quando se ne presentasse l’opportunità e mi piacerebbe fare qualche corso per imparare bene ed essere pronto se capiterà l’occasione. Avete qualche suggerimento? Grazie
    Manfredo

  5. gabriele ha detto:

    Direi che frequentare corsi, così come lavorare come dipendente all’interno di queste attività e documentarsi continuamente è estremamente utile, anzi, indispensabile.

    Abbiamo recentemente parlato dei corsi di caffè, può essere un buon inizio.
    Per aprire una attività bisogna avere qualcosa da dire. per dire qualcosa bisogna sapere, e avere passione!
    fammi sapere se cerchi qualcosa in particolare.
    a presto, Gabriele

  6. MARIA ha detto:

    sono un medico, e vorrei rilevare un piccolo bar, ma non so come fare. chi è più informato mi può dare qualche indicazione?
    grazie

  7. Samuele ha detto:

    ciao Gabriele,
    con mio fratello abbiamo intenzione di prendere un bar gia esistente.
    Il locale è dei nostri genitori ma è affittato adesso. Il contratto di locazione è in scadenza in poco piu di un anno.
    Dobbiamo quindi valutare tutto per decidere se procedere e come sicuramente saprai fare la lettera per lo sfratto.
    Puoi darmi alcuni consigli sulle principali cose da valutare per capire se il bar potrà andare bene o no?

    Grazie anticipatamente e ciao

  8. gabriele ha detto:

    Cara Maria,
    sicuramente parlare con persone di esperienza è molto importante, come capirai facilmente può aiutarci a vedere cose a cui non pensiamo.
    Se hai fiducia in qualche barista che conosci (e di cui tu non diverresti concorrente) puoi intanto parlarne con lui, e cominciare così ad inquadrare la situazione (economica e logistica in primis) che potresti trovare.
    una volta che hai in mano un pò di dati (spese e possibili introiti) potresti cominciare a costruire il business plan; come ho cercato di spiegare nei post è uno strumento importante.
    Fammi sapere, se hai bisogno sono qua.
    Gabriele

  9. gabriele ha detto:

    Caro Samuele,
    come ho scritto adesso a Maria lo strumento migliore (se usato con buon senso) che si abbia a disposizione per valutare il possibile andamento di una attività commerciale è il business plan.
    Dai un occhiata ai post che ne parlano, magari scaricando il modello che trovi nel blog, se qualcosa non ti fosse chiaro fammi sapere.
    A presto, Gabriele

  10. COS’È L’ HACCP « aprire un bar ha detto:

    […] Settembre 2008 di gabriele Dopo il REC proveremo a conoscere una nuova sigla non ancora così famosa ma che diventerà fin troppo […]

  11. Nicolas ha detto:

    Ciao, io ho aperto un bar da pochi mesi a Bologna, suggerisco di dare un’occhiata a un sito dove ho trovato molte informazioni utili tipo: quanto costa aprire un bar, i requisiti per aprire, sul franchising il sito è:
    http://www.chiaroscuroconcept.it

  12. gabriele ha detto:

    Beh, ti ringrazio due volte Nicolas.
    Primo per il commento, secondo perchè siamo noi che seguiamo il progetto Chiaroscuro Concept. Ci dai un grande incoraggiamento nel continuare a parlare di business facendo cultura; é la cosa in cui crediamo.
    Ti aspettiamo per un cappuccino insieme al Chiaroscuro Firenze,
    Gabriele

  13. LE LICENZE PER APRIRE UN BAR « aprire un bar ha detto:

    […] sul REC abbiamo già parlato a lungo la licenza e l’autorizzazione sanitaria sono elementi articolati […]

  14. Marco ha detto:

    Ciao Gabriele,
    Io ed un mio amico abbiamo intenzione di rilevare un bar, e come già detto da te nelle risposte precendenti siamo andati a chiedere ad un nostro amico barista se a suo parere l’investimento fosse buono o meno, però non ci è chiara una cosa, il R.E.C deve essere fatto anche se rileviamo il bar? o viene acquistato dal precedente proprietario con l’acquizione delle licenze?

    Ti ringrazio in Anticipo
    Marco

  15. gabriele ha detto:

    Ciao Marco,
    la licenza REC la deve avere almeno un componente della società che rileva il locale, é personale e non puo essere venduto o acquistato, può solo essere ottenuto tramite esame alla camera di commercio. Di solito l’esame è il capitolo finale del corso che si tiene presso strutture come confesercenti, ma a volte il corso puo essere evitato se si hanno particolari requisiti professionali o di studio come scritto sul post.
    Fammi sapere come vanno le cose, e il nome del locale, che veniamo a trovarvi!
    In bocca al lupo, Gabriele

  16. claudia ha detto:

    Gabriele
    quanto vale l’iscrizione al rec?
    Mi spiego io ho venduto la mia caffetteria il 30 giugno 2007…ora non esercito più e vorrei sapere se fra 2 anni il mio rec è ancora valido per raprire o rilevare un’altro bar
    Grazie
    Claudia

  17. gabriele ha detto:

    Ciao Claudia,
    si, che io sappia l’iscrizione al REC è sempre valida.

    Buona Fortuna, G

  18. claudio ha detto:

    …….mi è stato detto che il rec per rilevare un bar si può anche affittare? (chiaro che nel frattempo frequentèrò un corso per averlo)

  19. gabriele ha detto:

    no, affitare lo escluderei, è il requisito personale che dice (almeno secondo la legge) che sei in grado di fare quel lavoro. segue la persona, non il lavoro.

  20. Luca ha detto:

    Ciao Gabriele,

    Io ho intenzione di aprire una creperia, vorrei sapere se per l’apertura di un locale del genere ho bisogno del REC e se ci sono dei finanziamenti a fondo perduto

    Grazie

  21. mimmo ha detto:

    Ciao Luca,scusa se m’intrometto, ti posso gia’ dire che l’iscrizione al REC e’ obbligatoria,in quanto ai finanziamenti a fondo perduto per questo tipo di attivita’, non ne ho mi sentito parlare quindi non credo che esistano proprio,infine ti posso anche dire che solo con le crepes e difficile tirare avanti per molto tempo,quindi se hai questa idea ti consiglio di abbinarci qualcos’altro,per es:gelateria,yogourtheria,piadineria o altro. Cordiamente .Mimmo

  22. gabriele ha detto:

    Ciao Luca,
    si, come dice Mimmo, l’iscrizione REC è obbligatoria, tua o di qualcun’altro in società. Finanziamenti ce ne sono di vari tipi, ma francamente nella maggior parte dei casi sono vicoli ciechi; le categorie facilitate di solito riguardano zone disagiate, meridione, imprenditoria femminile e giovanile, magari informati alla camera di commercio della tua zona.
    In effetti di sole crepe è difficile vivere, anche se a Firenze ci sono un paio di creperie storiche che fanno più o meno solo quello.
    Buonissima Fortuna, Gabriele

  23. […] su Lulu), leggerei i suggerimenti riguardo ai finanziamenti possibili, mi documenterei sugli aspetti burocratici, mi soffermerei sulla possibilità di aprire il locale all’interno di un negozio, mi […]

  24. Francesco ha detto:

    Buongiorno a tutti,

    sono in procinto di rilevare un bar a parma con una s.r.l, non sono in possesso del rec momentaneamente(debbo frequentare il corso) posso assumere qualcuno regolarmente che ha questo requisito?
    Se qualcuno nel forum fosse disponibile, mi può contattare.

    Grazie,
    Francesco

  25. gabriele ha detto:

    Ciao Francesco, qui in Toscana la persona con il REC deve essere socio, oppure delegato, lì basta essere dipendenti?
    Buon lavoro, G

  26. matti ha detto:

    ciao a tutte/i, vorrei aprire un locale aperitivi per l’estate, non ho l’ìiscrizione al R.E.C. però sono laureata in lettere…devo fare il corso e poi l’esame, solo l’esame o niente di tutto questo? mi hanno chiesto 300 euro solo per le prime 40 ore di corso riguardanti la manipolazioni di alimenti…è onesto? considerando che ne mancano altre 54 e che saranno più care ancora?
    grazie per l’ascolto
    matti

  27. Silvano ha detto:

    ciao gabriele, vorrei prendere un bar in frinchising itinerante (fruitbar), ma in comune (cornate d’adda, mi) mi hanno detto che il rec non serve più ma bisogna avere i requisiti, e che il diploma di ragioneria non è più valido, dove posso trovare informazioni precise?

  28. gabriele ha detto:

    Ciao Silvano, in effetti in questo periodo c’è un gran casino e tutte le province e regioni assumono atteggiamenti propri.
    Il miglior modo è trovare info presso le associazioni di categoria: confcommercio o confesercenti.

    Buona fortuna, G

  29. gabriele ha detto:

    Ciao Matti,
    in alcune regioni la laurea basta, ma non so da te (in effetti Lettere non è certo una laurea specifica) anche a te consiglierei un giro presso le associazioni di categoria.
    G

  30. Alessio ha detto:

    Ciao Gabriele,
    io e mio fratello dobbiamo rilevare un bar a firenze(tra l’altro il caffe’ e’ proprio mokaflor)
    Vorrei sapere una cosa,mio fratello ha gia’ i requisiti necessari avendo lavorato anni in bar vari e avendo il rec(anche se so che non serve piu’).
    Volevo sapere,questo haccp lo deve avere chiunque sta dietro al banco e somministra cibi e bevande o solo il proprietario o i 2 soci per esempio?

  31. gabriele ha detto:

    Ciao Alessio,
    ma guarda, diventiamo compagni di avventura!
    L’haccp devono averlo tutti quelli che lavorano al bar, anche i part time a due ore per settimana, sia pur con diverse modalità a seconda della mansione svolta.
    Fammi sapere dove sei e quale agente ti segue (Marco?) magari posso venire a portarti un pò di materiale.
    A presto, G

  32. francesco ha detto:

    ciao mi sono iscritto al corso rec sono passati gia due mesi
    e non sanno dirmi quanto devo fare lesame e normale?

  33. michele ha detto:

    Ciao, vorrei rilevare un campeggio con bar e ristorante, ma non ho esperienza nella gestione di un bar o di un ristorante, devo fare il corso rec?
    Quanto dura?
    mi sapete dare qualche informazione a riguardo?

  34. mimmo ha detto:

    Ciao Michele,per l’iscrizione al rec,le normative variano da regione a regione,bisogna inoltrare le domande direttamente al Comune di Residenza,il quale provvede a verificare ke il richiendente abbia i requisiti morali e professionali.
    Quindi x la somministrazione di alimenti e bevande è sempre necessario possedere i requisiti professionali,in particolare bisogna rientrare in 1 di qst opzioni:
    -aver frequentato un corso riconosciuto dalla Regione che abilita alla somministrazione;
    -aver lavorato come dipendente o come imprenditore nel settore x almeno 2 anni;
    -essere iscritto al REC nei cinque anni precedenti
    -possedere il diploma da ragioniere.
    Comunque vada, visto che non hai un minimo di esperienza,ti consiglio di assumere almeno un professionista per ogni reparto.
    In bocca al lupo. mimmo

  35. Elisa ha detto:

    ciao gabriele…a luglio dovrei prendere un bar in gestione,siccome io ho la qualifica e il diploma di Sala Bar mi potresti dire cortesemente quali altri documenti dovrei fare??? grazie mille

  36. Elisa ha detto:

    p.s. devo fare anche il corso??????

  37. mimmo ha detto:

    Ciao Elisa, se hai il diploma dell’alberghiero o hai lavorato per due anni, negli ultimi 5 anni,in un un pubblico esercizio non hai bisogno di fare il corso per liscrizione al REC.Devi solo fare una richiesta presso la camera di commercio. I corsi per l’HACCP,RLS e antincendio li puoi fare anche poco dopo aver aperto l’attivita’.
    Anche a te per ulteriori informazioi, consiglio di visitare il sito;
    http://www.chiaroscuro.it
    Buona fortuna. mimmo

  38. martina ha detto:

    ciao ragazzi io vorrei comprare un bar a padova….il problema è che ho lavorato come manager di ristorante per 5 anni a londra…e quindi nn me li contano come anni di esperienza validi…! cosa devo fare? quanto dura il corso! io sono diplomata in ragioneria ma penso nn serva a niente vero?

  39. mimmo ha detto:

    ciao Martina
    se sei diplomata in ragioneria hai diritto all’iscrizione al REC,senza dare l’esame. mimmo

  40. monika ha detto:

    ciao, io volevo chiedervi un info!
    sono andata in camera di commercio che mi hanno mandato in comune e il comune mi ha mandato dal commercialista..che a sua volta mi ha mandato all ufficio del turismo!
    ho intenzione di aprire il bar a breve solo che mi manca il rec,,, ho frequentato una scuola professionale per il turismo, la quale, nel sito, dice che sono automaticamente iscritta al rec…ma in comune hanno detto di no!
    quindi dovrei affrontare il corso di 120 ore!
    nel frattempo non potrei aprire comunque il bar??
    vi ringrazio per l attenzione e scusate se ho scritto in modo poco chiaro 🙂

  41. Sprite ha detto:

    Ciao vorrei chiedervi un’informazione…vorrei aprire un bar ma possiedo solo l’haccp avendo lavorato un anno come barista x fortuna xò mia cugina ha il dipoma di alberghiero e potrebbe diventare mia socia…serve qualcos’altro oltre alla licenza e all’autorizzazione?bisogna avere x forza il diploma da ragioniere?

  42. mimmo ha detto:

    Ciao Sprite,
    se hai lavorato solamente un anno, come dipendente, per l’iscrizione al REC,devi frequentare il corso. Nel caso di tua cugina, se il diploma alberghiero ha un indirizzo,da bar,operatore turistico o tecnico per attivita’ alberghiera,deve procedere nella seguente maniera:
    l’iscrizione al REC deve essere effettuata solo presso la Camera di Commercio:
    a) della provincia di residenza se il richiedente è una persona fisica
    b) della provincia della sede legale nel caso di società legalmente costituita.
    Per l’iscrizione al REC bisogna:
    – presentare apposita domanda in bollo;
    – versare un diritto di Segreteria alla Camera di Commercio con bollettino di c/c postale;
    – versare una tassa di concessione governativa;
    – presentare la documentazione inerente il possesso dei requisiti che lei possiede.
    In seguito poi dovrai fare il corso antincendio e di RLS(responsabile sicurezza sul lavoro).
    Un in bocca al lupo per l’inizio di nuova attivita’.
    mimmo

    Ps.Se poi vorrai perfezionarti e diventare una vera artista de cappuccio ti consiglio di dare un occhiata al sito;http://www.chiaroscuro.it/

  43. Ilaria ha detto:

    Ciao a tutti, io vorrei aprire un bar e mi sono informata sull’iscrizione al REC proprio 20 giorni fa e mi hanno detto che il diploma di ragioneria non vale più come alternativa al corso..si deve avere un titolo di studio esclusivamente inerente all’attività, oppure aver già lavorato ecc…
    Solo che col lavoro attuale non riesco a far coincidere gli orari dei corsi.
    Almeno anni fa si poteva dare l’esame studiando a casa..
    Ilaria

  44. Eddie ha detto:

    Salve a tutti,
    mi hanno contattato delle persone che stanno per aprire un bar ma non sono ancora in possesso del REC, il corso comincerà solo a settembre e quindi per poter apire da subito mi hanno chiesto di poter utilizzare la mia iscrizione al REC, sono iscritto da 8 anni grazie al diploma alberghiero ma al momento faccio tutt’altro, secondo voi la cosa è possibile? nel caso dovrei entrare come socio o posso solo delegare? vorrei aiutarli ma al tempo stesso non vorrei rischiare niente.. Accetto anche consigli. grazie tante e complimenti per il Chiaroscuro a Firenze ogni volta che passo di là è tappa obbligata.
    Ciao , Eddie

  45. mimmo ha detto:

    Ciao Eddie,
    negli ultimi anni, ogni provincia o addiritura comune, ha delle legislazioni diverse,quindi per sicurezza ti conviene informarti presso la tua piu’ vicina camera di commercio.
    Nella mia provincia per aprire un’attivita’,senza avere l’iscrizione al rec,si puo’ nominare una figura del “preposto”, inteso come persona cui è affidata l’effettiva conduzione dell’esercizio. Il preposto deve possedere i requisiti morali e professionali richiesti, ma non sarà responsabile delle violazioni di norme materialmente commesse. Il responsabile dell’effettiva conduzione potrà essere il legale rappresentante o un procuratore nominato con atto notarile.Quindi non correresti nessun rischio ,sia se entreresti in societa’,sia se vieni nominato rappresentante.
    Un grazie di cuore,da parte del Gab e tutto lo staff del blog,per i complimenti sul CHIAROSCURO. mimmo

  46. claudia ha detto:

    Ciao Eddie,
    sono disperata, spero tu mi possa aiutare, possiedo un furgone adibito a bar panineria con relativa licenza di ambulante itinerante e ovvia iscrizione al rec. Purtroppo da 1 anno e mezzo a seguito di un intervento chirurgico son diventata disabile e non posso più svolgere il mio lavoro così ho messo in vendita l’attività. si son presentate diverse persone “curiose” e di fatto ho ancora tutto fermo. ieri si sono presentate 2 persone interessate che però mi hanno chiesto di far loro da preposto in quanto non hanno il rec per il periodo di circa un anno, loro sostengono che poi posso volturare il rec a loro. A ME NON RISULTA, ma non vorrei chiudere la porta in faccia all’unica occasione di vendita che mi si è presentata. Sono della provincia di Milano e anche gli acquirenti. Se non 6 in grado di rispondermi puoi indicarmi a chi posso rivolgermi?il mio commercialista non è molto affidabile. Grazie mille

  47. michele ha detto:

    ciao lavoro come cameriere da 34 anni x avere il r.e.c. cosa devo fare?

  48. mimmo ha detto:

    Ciao michele,
    se hai lavorato in regola per due anni,negli ultimi 5 anni,presentando alla camera di commercio, la certificazione con la quale accerti(sono sufficienti le buste paga) di aver lavorato,ti verra’ rilasciata l’iscrizione al REC.
    Se hai qualche perplessita’,puoi chiedere informazioni, presso la camera di commercio o la confesercenti
    Buon lavoro.mimmo

  49. Lorena ha detto:

    Ciao a tutti! Vorrei trasferirmi in provincia di Livorno aprendo un locale thea-house. Mi sapreste dire (+ o -) cosa serve per arrivare alla meta? Ho il REC dal 1997, rimasto fino ad ora in un cassetto, è ancora valido? Cosa sono i corsi HACCP,RLS e antincendio? Ora vivo in provincia di Milano, devo chiedere qui o a Livorno per le licenze ed annessi? Ringrazio moltissimo chi mi vorrà dare una mano!!! Lorena

  50. mimmo ha detto:

    Ciao Lorena,
    per aprire thea-house ci vuole una licenza di tipo B,che credo,visto la tipologia di locale,per averla ,sia sufficiente farne una richiesta presso il municipio dove aprirai il locale.Cosi’ pure le varie autorizzazioni.
    Il corsoHACCP (Hazard Analysis Critical Control Point -analisi dei rischi e dei punti critici di controllo,e’ un corso obbligatorio per chiunque somministri bevande o alimenti.
    RLS e’ un corso per qualsiasi azienda,che abbia almeno un dipendente ed e’ basato sulle normative di sicurezza sul lavoro.
    L’antincedio e’ sempre un corso sulla sicurezza ma indirizzato agli incedi sul lavoro.Questo e’ suddiviso in due parti;teoria e pratica.
    Se hai qulche minuto,prova a dare un’occhiata al sito:www.espressoacademy.it/
    Buon lavoro.mimmo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *