COS’E’ Il REC PER APRIRE BAR E RISTORANTI
24 luglio 2008

OSSERVARE, LEGGERE, CONOSCERE: APRIRE UN BAR È UN FATTO DI CULTURA

Se il mondo è grande quello della ristorazione lo è ancora di più. Sul nostro pianeta ci sono locali pensati con una immaginazione e una genialità tale da far sembrare le nostre più sfrenate fantasie solo il disegnino sbiadito del bar all’angolo. E questo ci deve entusiasmare: come se le nostre idee si espandessero all’improvviso, come se la nostra mente vedesse di colpo possibilità magnifiche e sconfinate.

La conoscenze si trova da secoli sui libri. Per la mia esperienza personale sono due le categorie di libri utili al nostro lavoro. La prima sono i libri di design. Sono libri piuttosto costosi (magari sfogliateli in libreria) e sono spesso in inglese, ma hanno fotografie spesso bellissime di locali super fashion di tutto il mondo; guardateli, tirate giù le idee che vi colpiscono e lavorateci sopra.

La seconda categoria sono i libri che per semplicità possiamo definire “di merceologia”. Sono i libri sul whisky, sul rum, sul caffé (qui non c’è molto, poi ne parliamo) sulla tequila, sugli stuzzichini ecc. ecc. Forse questi libri sono meno rivoluzionari di quelli sull’arredamento, ma ci danno una cultura, che sarà fondamentale quando avremo davanti il cliente

Secondo tempo al prossimo post, pant pant…

Tags:

6 Comments

  1. deliaeleti ha detto:

    I bar rispecchiano l’anima dei proprietari….o almeno in parte è così..si passa dai locali più piccoli, accoglienti, con mobili retrò, con le foto di Parigi appese ai muri …a quelli dedicati ai personaggi che sono storia (Hemingway, Van Gogh) …e poi quelli futuristici, puro designer, ma non per questo sempre freddi come si può pensare!!!!
    Un mio amico uruguaiano ha partecipato ad una sorta di reality nel suo Paese…lo scopo del gioco era proprio quello di aprire e gestire un locale. Vi erano più gruppi concorrenti…ha vinto come premio 1 bel viaggio ai Caraibi….chissà che non mi suggerisca qualche nuova idea per 1 cocktail!!!!!
    Magari ti terrò informata.

  2. gabriele ha detto:

    Aspetto la nuova idea per il cocktail!!
    Comunque sì, una cosa che mi piace pensare è che il locale è un’estensione della propria anima, del proprio se.
    Come per il pensiero anche sul locale bisogna ragionare, approfondire per conoscerlo al meglio, per trovare il vero senso e per raffinarlo.
    Mi piace, anche se è faticoso.

  3. cinzia ha detto:

    aiuto !!!
    voglio rilevare un bar !
    ma sono totalmente senza conoscenza

  4. gabriele ha detto:

    Ciao Cinzia, beh, caschi a puntino, di come far esperienza e conoscenza ne stiamo parlando proprio in questi post. L’esperienza sul campo è senz’altro impagabile, per cui se hai occasione lavora, anche gratis, in un bar! Dal punto di vista manageriale non aver paura a chiedere qui, abbiamo tutti lo stesso problema! Facci sapere cosa vorresti sapere di preciso.

  5. cinzia ha detto:

    Ciao Gabriele , ho gia ‘ individuato un bar ,quello che mi manca
    sono le dritte per quanto riguarda la richiesta di finanziamenti
    e tutti quei consigli che mi possono aiutare a far si che come prima esperienza non sia un fallimento !

  6. gabriele ha detto:

    Ciao Cinzia,
    sui finanziamenti stavo preparando un post. Intanto prova a parlare con una sezione di confesercenti o confcommercio vicino a casa tua.
    Consigli per non fare buche? domani l’altro c’è un post sul business plan, che è uno strumento importante, ma tu abiti lontano da Firenze? perchè l’argomento è vasto, articolato e tu forse non hai tempo di aspettare i post…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *