POI SI DICE LA STANCHEZZA DEL BARISTA…
28 maggio 2015
IL PROGRAMMA DEL CORSO HACCP
4 giugno 2015

COME APRIRE UN BAR O UN RISTORANTE SECONDO GLI AMERICANI

Da un video americano alcune fondamentali considerazioni sul dove aprire, sul come scegliere la zona per aprire un bar o un ristorante.

 

La giusta location per un ristorante di passaggio?

La giusta location per un ristorante di passaggio?

A noi, che da anni cerchiamo di condividere esperienze e informazioni con chi vuole aprire una attività, da pub a caffetteria, ogni tanto viene una domanda: ma come affrontano questi argomenti in altre nazioni? Quali consigli, suggerimenti e trucchi di management e gestione danno, ad esempio, negli Stati Uniti, patria del business training? Cercando risposte a questa domanda siamo andati a cercare materiale in lingua inglese, e dopo aver trovato i tip, le strategie proposte da Forbes (a questo link trovate la serie completa dei post sull’argomento) siamo incappati anche in un video, uno di una lunga serie che questo gruppo sembra proporre.
Questo in particolare offre il suo titolo nella prima slide che presenta: il più grande singolo errore che si può fare aprendo un ristorante. La risposta arriva nella slide successiva, una risposta che ci riporta al più famoso e classico marketing-slogan d’oltreoceano: location, location e location.

Detta così sembra, sembra la scoperta dell’acqua calda, e nelle giornate formative che facciamo ogni mese sulla apertura e gestione di un locale abbiamo spesso visto, in vari esempi in Italia e nel mondo, che una attività può prosperare anche in una location infelice, a patto di avere una altissima capacità di creare valore e pazienza nei primi mesi.

Tornando al video, comuque, questi continua affermando come ci siano due tipi di imprenditori:

  • Quelli che hanno un concept, un’idea precisa del locale che vogliono aprire e cercano una location, uno spazio, un fondo commerciale che vada bene per la loro idea
  • Quelli che hanno una location ma hanno bisogno di un concept che vada bene per essa.

Basta solo guardarsi intorno per capire quanto questo passaggio fondamentale sia spesso non focalizzato dall’imprenditore poco esperto.

Per iniziare con gli esempi, se noi siamo grandi esperti di vino, e vogliamo aprire una enoteca che faccia assaggi, cultura, divulgazione, in cui davvero il cliente possa non solo bere un bel bicchiere, ma fare una vera e propria esperienza gustativa e culturale, capiremo bene come sarà dura aprirla con successo nella hall di una stazione ferroviaria o davanti alla fermata della metro; per quanto queste location abbiano un altissimo passaggio, le persone che la vedranno saranno tutti indaffarate e affannate, e potrebbero prendere in considerazione l’idea di fermarsi solo davanti ad un caffè per svegliarsi o ad un bel panino da mangiarsi poi in treno…

Se al contrario abbiamo già individuato una location specifica, magari perché di proprietà o ad un affitto molto conveniente, sarà allora fondamentale cercare di individuare il tipo di concetto che possa sposare al meglio quella situazione; e, per tornare all’esempio di prima, all’ingresso di una metro sarà nostro ruolo individuare una tipologia di panini particolarmente gustosa da far “grabbare” al volo alla nostra clientela frettolosa.

Lo speaker del video ci invita a questo punto a scrivere una lista dei cinque punti, dei cinque vantaggi che la nostra location deve avere. Ad esempio, se noi partiamo avendo come punto di partenza l’apertura di una enoteca, e dovendo cercare una giusta locazione per piazzarla potremmo individuare come aspetti fondamentali i seguenti:

  1. Aree di vetrine e negozi con un passaggio da “passeggio” e clientela rilassata e disposta all’esperienza.
  2. Almeno venti posti a sedere
  3. Possibilità di preparare piatti freddi, taglieri e crostoni per accompagnare i vini
  4. Possibilità di creare una piccola cantina riparata da luce ed alte temperature
  5. Piccolo spazio esterno per la primavera/estate

Se le varie location che vedremo man mano non soddisfaranno i punti di questa lista, scarteremo le location senza rimpianti, prima di averci speso un’euro.
Il video ci rimanda anche alla necessità di tenere le emozioni lontane da questo schema di pensiero, consiglio fondamentale, visto le molte persone che sbagliano drammaticamente la scelta della location perché guidati da un “innamoramento” iniziale che li focalizza su un solo pregio impedendogli (come in amore) di vedere i difetti della locazione…

Vi lasciamo a divertirvi con le altre considerazioni economiche che fa il video. Saluti dagli USA!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *