Aprire una Caffetteria Americana in Italia: Intervista al Filter Coffee Lab
20 Aprile 2015
ORGANIZZARE UN BUFFET PER L’APERITIVO AL BAR
27 Aprile 2015

COSA SONO E CHI DEVE FARE (E CHI PUO’ NON FARE) I CORSI SAB

Vediamo in questo post cosa sono i corsi SAB per l’apertura di bar e ristoranti. Quanto costano, quanto durano, chi deve farli, chi non deve, cos’è il preposto. Il tutto con una attenzione alle differenze di requisiti fra regione e regione.

 

Cosa sono i corsi SAB come requisiti per aprire ristoranti, pub e bar.

Cosa sono i corsi SAB come requisiti per aprire ristoranti, pub e bar.

Naturalmente di un argomento così fondamentale come la burocrazia del mondo bar e ristoranti come i corsi SAB avevamo già parlato in questo blog, dedicando post sia a cosa sono i corsi Somministrazione Alimenti e Bevande (lo trovate qui) sia a quanto costano questi corsi (trovate il post qui) e perfino sull’argomento se erano validi i corsi On-line.

Il mondo può però cambiare, e preferiamo tornare su argomenti come questi, fondamentali. Rivediamo quindi il mondo dei corsi SAB.

Innanzitutto ricordiamo, anche se ormai lo sanno tutti, anche se questo lo sanno ormai anche i sassi, che il corso SAB sostituisce il vecchio concetto del REC (Registo Esercenti al Commercio) che non esiste più; il SAB é un corso che, come filosofia, dovrebbe aiutare coloro che vogliono fare questo lavoro ma non hanno maturato conoscenza o esperienza in questo campo.

All’interno di una attività basta che si sia una sola persona con l’abilitazione SAB, è possibile ottenerla in automatico, e quindi non dover fare il corso se:

  • Se si ha un diploma di scuola alberghiera (in alcune regioni basta il triennio, in altre vogliono 5 anni)
  • Se si è maturato una esperienza lavorativa di almeno 2 anni di lavoro negli ultimi 5 nel settore somministrazione, con una qualifica che in molte regioni è richiesta essere almeno del 5 livello.
  • In molte regioni se si hanno diversi titoli di studio, per esempio di ragioneria, di laurea in materie economiche o scientifiche (farmacia, infermieristica, chimica etc)

Attenzione, come vedete specifichiamo che ogni regione può interpretare in maniera diversa la stessa legge, e considerare inutile un titolo che in una altra regione è sufficiente; per togliersi ogni dubbio conviene rivolgersi allo sportello unico per le attivitità produttive del proprio comune, come vedete in questo post.

Un altra attenzione. La legge riconosce anche, nelle imprese individuali e in quelle di persone, anche la bizzarra figura del preposto, in pratica di una persona esterna all’impresa che firma al nostro posto.

Se poi vediamo che ci tocca, che il corso dobbiamo farlo, pensiamo che non è una disgrazia, almeno non solo; se davvero non abbiamo esperienza in questo settore tutto quello che impariamo, anche in questo corso, ci sarà utile. Questa utilità ci costerà soldini e tempo. Per vedere quanto tempo e quanti soldini ci siamo fatti una carrellata per l’Italia, andando a vedere vari corsi offerti in varie regioni da vari enti; inutile dire che internet rimane lo strumento più importante per trovare il corso che faccia per noi.

  • Bologna: 100 ore ed è consentito assentarsi per il 20% delle ore stabilite. Costo del corso € 550,00 (IVA inclusa).
  • Rimaniamo in Emilia, Modena: durata complessiva: 100 ore. Frequenza: 4 sere la settimana, (LUN.MAR.MER.GIOV.)in orario serale: 18.00 – 22.00. La frequenza alle lezioni è obbligatoria per almeno un 80%. Quota di iscrizione: € 600.
  • Spostiamoci verso sud. A Salerno, dove si propone 5 settimane di studio per un totale di 120 ore di lezione, non troviamo il prezzo.
  • Nella Capitale, troviamo un corso di 120€ a 520 €.

 

Adesso due corsi particolari che hanno a che fare con il mondo dell’online. Nel veneziano una Cooperativa Sociale Dieffe organizza corsi dalle 19.00 alle 22.30 per 3 appuntamenti a settimana, con possibilità di inserimento lezioni anche il sabato mattina. Il corso ha una durata totale di circa due mesi e mezzo. La particolarità di questo corso è che è possibile frequentare il 30% delle 120 ore previste “da casa” collegandosi ad un sito che promette test e quiz di “autoesame”. Costo 510€.

Abbiamo anche trovato un corso “On line puro” a € 650 + iva. In questo caso il corsista deve garantire almeno 120 ore connesso alla piattaforma didattica, la parte di studio è completamente online. Il corsista dovrà presentarsi in sede per lo svolgimento di alcune ore di lezione e per l’esame, esame che sembra si tenga nei pressi di un’aeroporto, per permettere volo andata/ritorno e esame in giornata.

Due consigli per evitare problematiche di riconoscimento dei corsi. Se fate un corso SAB “fisico” cercate di farlo nella provincia in cui aprirete (a volte possono avere durate in ore diverse e ci potrebbe essere richiesta una integrazione). Se lo fate On-line chiedete prima al SUAP se quel tipo di corsi è riconosciuto nella nostra zona; magari preparandosi a presentarlo bene, visto che la prima e più semplice risposta dell’addetto potrebbe essere: no.

Se poi avete bisogno di mettere in fila tutti gli aspetti tecnici, burocratici, legislativi e di marketing  per l’apertura di un bar, prendete parte alla giornata full immersion di apertura e marketing di bar e locali che trovate su questa pagina, e magari portate anche piantine, bilanci e indicazioni del locale che state valutando, potrete valutarli gratuitamente a fine corso con i responsabili del nostro gruppo.

 

57 Comments

  1. marco ha detto:

    Pazzesco, 100 ore di corso? io vivo in Inghilterra ed ho aperto un deli/take-away. ho fatto un corso online che copre sicurezza e igiene e basta. Durata 8 ore e spesa 30€. Sono d’accordo che forse qui le attività nel settore ristorativo sono un lasciate un po’ troppa libertà di fare come si vuole ma posso dire che è meglio così. Non sei stritolato dalla burocrazia e lasciano ai commercianti il dovere di mantenere gli standard alti. Poi è il cliente che sceglie dove consumare. Cmq passa l’equivalente della Asl che ti fa dei controlli e rilascia un certificato con classificazione da 1 a 5 visionabile online per chiunque abbia dubbi sui tuoi standard. Il punto è che ti lasciano campare e sei tu che hai la responsabilità.

  2. Gigi ha detto:

    Ho terminato, e passato, da qualche settimana il corso SAB a Milano; 120 ore.
    Che esperienza! Ci sono argomenti che andrebbero ridimensionati (cose che si smazza il commercialista) ma altre fondamentali che se non sei del settore alimentare non sai. A proposito dei corsi online dico che ci sono concetti che se non fai in aula e non discuti con i professori non ti restano in testa facilmente e non si capiscono a fondo. Sicuramente è soggettivo ma per quanto impegnativo il corso in aula vale il doppio e l’esame lo passi.
    Ciao.

  3. mara ha detto:

    buongiorno, non so se c’entra con l’argomento, ma ho un dubbio. vorrei aprire un locale a roma e nella zona che mi interessa devo raggiungere 155 punti. non ho possibilità di fare bagni separati né tantomento parcheggi. allo stato attuale delle cose raggiungo 145 punti. è già stato fatto un corso sab. ma se eventualmente facessi un corso di barman, e prendessi 10 punti, sarebbe possibile cumularli? grazie mille in anticipo!

  4. marco ha detto:

    hai ragione Marco, è una cosa assurda, allucinante…. volevo aprire un negozio di distributori automatici, e per mettere delle lattine in un distributore devo fare un corso di 106 ore a 30 km da casa (quindi con spese anche di trasporto) + 600 euro… ho rinunciato perché mi sembra una presa per i fondelli, Italia paese di merda

  5. Caterina ha detto:

    Ciao..un informazione…se io ho acquisito il vecchio rec superando i due anni di barista,io posso utilizzarlo come preposto?…grazie

    • Francesco ha detto:

      Aver superato l’esame di idoneità a suo tempo presso la Camera di Commercio e aver ottenuto l’iscrizione al REC è un requisito valido per poter svolgere l’attività in proprio o come preposto.

  6. Caterina ha detto:

    Ciao…un informazione. Io ho acquisito il vecchio rec con i miei anni di esperienza…quindi è valido?…..posso utilizzarlo come preposto? Grazie

  7. carola ha detto:

    ciao a tutti.io vorrei aprire un alimentari,negli ultimi 5 anni ho lavorato un anno da apprendista barista e un anno da barista di 5 livello(continuativi)..posso non fare il corso SAB? attendo risposte..grazie mille

    • domenico marchi ha detto:

      Ciao Carola,
      avendo lavorato per due anni nell’ultimo quinquennio, hai diritto all’iscrizione al SAB senza dover frequentare il corso. Per l’iscrizione devi rivolgerti all’assessore al commercio del tuo comune.
      Saluti. Mimmo

  8. Simone ha detto:

    Salve ha tutti io ho una ditta e ho preso un preposto per la firma è tutto con il quale potrò aprire il mio bar in questo caso io senza fare corsi ne niente potrò acquisire automaticamente il rec da questa persona anche se sono il proprietario della ditta o dovrò fare i corsi?

    • domenico marchi ha detto:

      Ciao Simone,
      in questo caso potrai ottenere l’iscrizione al SAB, senza dover frequentare il corso, lavorando nella struttura per almeno due anni.

    • francesco ha detto:

      E’ vero che dopo due anni di dipendenza hai la qualificazione ma ti consiglio di fare un corso dalle mie parti sono molto veloci. Pensa un pò cosa devi fare devi essere assunto pagare i contributi denuncia redditi (la tua azienda ha un dipendente quindi guadagna di più vedi parametri) . Consiglio fatti il corso

  9. Rino ha detto:

    Ciao a tutti,
    lavoro da oltre due anni come cuoco in una mensa. Ho iniziato come aiuto cuoco e da meno di un anno sono il cuoco responsabile della mensa da 2500 pasti mensili.
    Secondo voi dovrei fare il corso SAB?

    • domenico marchi ha detto:

      Ciao Rino,
      se con le buste paga riesci a documentare all’assessore al commercio del tuo comune, che hai lavorato almeno due anni nell’ultimo quinquennio, hai diritto all’iscrizione al SAB senza dover frequentare il corso.

  10. Stefano ha detto:

    Ciao a tutti,gradirei un chiarimento sul REC/SAB,quale ente se ne occupa,comune,regione,camera di commercio?
    Ho lavorato tanti anni nel settore ristorazione,da due anni sono disoccupato e vorrei avviare un attività di Street food,leggendo anche su queste pagine ho capito che potrei non fare il corso di abilitazione ma al comune mi hanno consigliato di chiedere informazioni in regione (campania),qui non sapendo cosa dire mi hanno consigliato la camera di commercio dove mi hanno risposto che non esiste più da dieci anni questo genere di iscrizione/abilitazione e di rivolgermi al comune di residenza dove precedentemente mi avevano mandato alla regione.
    Mi aiutate a capire grazie!!

    • francesco ha detto:

      Come al solito si usa lo scarica barile è competenza del comune vedere se il soggetto ha o meno i requisiti pertanto se come dici hai lavorato nel settore della somministrazione di alimenti e bevande e sei stato regolarmente assunto con la qualifica di cuoco cameriere barista banconista etc. per almeno due anni negli ultimi 5 basta dimostrare al comune con attestato INPS da cui risulti la parte contributiva e la qualifica nonchè visura camerale del datore lavoro non dovrai fare nessun corso. Qualora non puoi dimostrare ciò allora devi fare corso eventualmente conta sulla mia disponibilità.

  11. Luigi ha detto:

    Salve a tutti.
    Io vorrei aprire una rivendita di pane ma come ambulante,posso aprirla con un preposto è acquisire il sab dopo 2 anni?

    • domenico marchi ha detto:

      Se trovi un preposto in regola, puoi aprire l’attivita’e nominarlo finche’ non avrai terminato il corso.

      • Luigi Capellini ha detto:

        Sig. re Domenico la ringrazio ho una amica che mi farebbe da preposto ma non lo prendo d’ufficio dopo 2 anni.

        • domenico marchi ha detto:

          Dopo due anni lavorativi nell’attivita’ che gestirai avrai diritto all’iscrizione al SAB senza dover frequentare il corso. Dovrai solamente presentare la richiesta all’assessore al commercio del tuo comune.

    • Francesco ha detto:

      Il Commercio di pane in forma ambulante non è consentita quello che vedi effettuano la consegna del pane a chi lo ha ordinato (il pane non è frutta) per quanto riguarda il preposto è colui che gestisce l’attività e quindi lui paga i contributi assistenziali e previdenziali , se vuoi ottenere dopo due anni la qualifica devi pagare i contributi assistenziali e previdenziali e non so se ti conviene.
      Oggi ci sono corsi un pò dappertutto e quindi risparmi e stai sicuro.
      Resto a disposizione .

    • Luigi Capellini ha detto:

      Signor Francesco mi scusi io sono un ambulante è le posso giurare che di Ambulanti che vendono pane focacce ecc . sono in molti , domani ho appuntamento in camera di commercio per sentire cosa va in contro il preposto.
      Grazie

  12. Gianni Sgambati ha detto:

    Aver fatto parte diversi anni di una società che produceva biscotti mi dà la possibilità di evitare il corso SAB?
    Grazie

    • domenico marchi ha detto:

      Produrre un prodotto destinato alla vendita al dettaglio non da’alcun diritto per quanto riguarda l’iscrizione al SAB.

  13. Alessandra ha detto:

    Vorrei aprire una gelateria in Francia serve il corso SAB?

  14. Deborah ha detto:

    Io devo aprire un bar ho più di due anni di lavoro negli ultimi 5 come dipendente nello stesso settore,ma per tutti i cinque anni sono sempre stata assunta part-time … il mio comune ha delegato tutto alla suap camera di commercio che non sa dirmi se ho i requisiti,e mi risponde di farmi fare il calcolo dal commercialista che giustamente non sa e mi rimanda a suap…insomma posso evitare il corso San con più di 2 anni negli ultimi 5 di lavoro part time? Ho i requisiti ho devo calcolare la meta’… a chi devo portare tutte le mie buste degli ultimi 5 anni? Grazie

  15. Mauro ha detto:

    Vorrei sapere se prima di dare esame al corso sab posso iniziare ugualmente l attività di ambulante senza aspettare un mese e mezzo.

  16. Sonia ha detto:

    Vorrei sapere se chi ha fatto il corso per diventare sommelier e ha conseguito il diploma può evitare di fare il corso sab.
    Grazie

  17. Simone ha detto:

    Ciao a tutti!! Io sono cameriere di quinto livello, sono esente dal corso o devo farlo ugualmente?

  18. Andrea ha detto:

    Ciao Domenico ho cominciato oggi il corso SAB on line, vorrei sapere cortesemente: vedo un’infinità di leggi e decreti ma devo necessariamente impararli a memoria tutti o basta sapere a grandi linee a cosa si riferiscono?

    • domenico marchi ha detto:

      Ciao Andrea,
      normalmente non e’ necessario imparare per filo e per segno tutti i decreti in vigore, ma un minimo bisogna pur studiare ed imparare almeno le normative basilari.

  19. CIRO ha detto:

    MI PERDONI DOVREI APRIRE UN ORTOFRUTTA E HO IL DIPLOMA DI MATURITA MAGISTRALE DEVO FARE IL CORSO SAB O POSSO BAIPASSARE ?

    • domenico marchi ha detto:

      Il diploma magistrale, non da’ nessun diritto per quanto riguarda l’iscrizione al SAB, ma a noi per un ortofrutta non risulta che vi sia l’obbligo ad avere l’iscrizione.

  20. Massimiliano ha detto:

    Salve vorrei una informazione, sto per aprire una enoteca il mio futuro socio e’ dipendente da 6 anni di un’altra enoteca, ora la mia domanda e’ questa devo fare il corso sab? Oppure la sua esperienza mi esenta? E poi come faccio a dimostrare la sua esperienza e a chi devo farlo presente?

    • domenico marchi ha detto:

      Se il tuo futuro socio ha lavorato in regola, puo’far richiesta per l’iscrizione al SAB senza dover frequentare il corso, facendo richiesta presso il comune di residenza.

    • domenico marchi ha detto:

      La sua esperienza lavorativa da’ diritto all’iscrizione al SAB senza fare il corso solamente al dipendente che assumerai.

  21. Antony ha detto:

    Buongiorno,
    ho lavorato per diversi anni nella ristorazione e bar ma oltre 6 anni fa e per un tempo continuativo di 2 anni. Sono diplomato in chimica industriale e ho conseguito il primo anno di chimica industriale all’università che poi ho abbandonato. ho letto dalla circolare aprile 2011, n, 3642/C del Ministero dello Sviluppo Economico che potrei essere esonerato. Vorrei aprire un locale a Modena. grazie infinite per la risposta.

    • domenico marchi ha detto:

      Se hai lavorato per almeno due anni nell’ultimo quinquennio hai diritto all’iscrizione al SAB senza dover frequentare il corso.

  22. fabrizio ha detto:

    salve, ho un negozio di cannabis e derivati. vorrei integrare la mia attivita’ commerciale proponendo ai miei clienti caramelle incartate, the, tisane e birre/ energy drink. Preciso che non somministro in alcun modo in negozio i prodotti citati ma ovviamente verrebbero consumati esternamente. devo fare il corso sab o posso farne a meno? quale corso devo seguire? grazie

  23. Alessia ha detto:

    Salve,
    io sono laureata in Scienze Biologiche e Risiedo a Nola, provincia di Napoli, quindi Campania.
    Per aprire una Vineria Braceria ho bisogno del Sab?
    Grazie

  24. louise ha detto:

    Salve

    Sono straniera dal altra paese EU e ho un azienda nel settore alimentare in un altra paese EU. Adesso vorrei aprire un’attività in italia.
    C’è una possibilità che non devo fare corso SAB?

    Quale livello di italiano è richiesto per fare corso SAB e l’esame?
    Ha bisogno avere carta d’identita’ italiana?

    Grazie

    • domenico marchi ha detto:

      In diverse sedi della Confcommercio organizzano i corsi SAB per stranieri. Prova a contattare una sede a te piu’ vicina.

      • Elvi Lahoz ha detto:

        Salve volevo sapere se come socio lavoratore in un osteria bar devo fare il corso sab il vecchio rec era a nome del mio ex socio grazie

  25. alice ha detto:

    Salve io sono una piccola az agricola individuale di cui sono la titolare. abbiamo fatto confezionare, con frutta nostra, ad un laboratorio artigianale che lavora conto terzi delle confetture che dovremmo rivendere in azienda devo avere il corso SAB?

    • domenico marchi ha detto:

      Se la vendita non viene effettuata in un pubblico esercizio non e’ obbligatorio fare il corso per l’iscrizione al SAB.

  26. alessia ha detto:

    buongiorno,
    vorrei aprire un bar/trattoria ed ho lavorato come apprendista gastronoma e salumiera con conseguenti corsi del settore alimentare .
    devo fare il corso sab oppure posso farne a meno vista l’esperienza e i corsi già fatti?
    grazie in anticipo per la vostra risposta.

    • domenico marchi ha detto:

      Se hai lavorato in regola per almeno due anni nell’ultimo quinquennio hai diritto all’iscrizione al SAB senza dover frequentare il corso.

  27. Emilio ha detto:

    Alcuni anni fa, ho lasciato il mio REC (facendo io stesso da prestanome) ad un’amico che doveva aprire un piccolo bar, attualmente ancora aperto.
    Come posso fare? glielo posso lasciare chiedendo un compenso per ogni anno di utilizzo (8) o glielo devo regalare ?? oppure ???
    Gradirei un suo consiglio grazie
    Emilio

    • domenico marchi ha detto:

      Se svolgi la sola funzione di “prestanome”, cioè senza presenza nel bar,la cifra che puoi chiedere dipende dal fatturato che ha l’attivita’ma nessun compenso è dovuto per legge. Se poi vuoi cederlo definitivamente chiedi una cifra forfettaria.

  28. Rossella ha detto:

    Buongiorno ho avuto un ristorante / bar per 4 anni e mezzo .
    All’apertura avevo fatto il corso da alimentarista poichè i requisiti li aveva la mia socia.
    Vorrei sapere al momento se ho acquisito i diritti come se avessi frequantato il corso oppure cosa devo fare.
    Preciso che abito a Bologna e faccio questa domanda per sapere se posso effettuare richieste di lavoro presso le mense.
    Grazie.

  29. Massimo ha detto:

    Io avrei il requisito di 2 anni di lavoro. Ma il mio contratto è part-time (anche se veramente lavoro 40 ore a settimana ed anche di più…) Mi serve questo per non fare il corso SAB o il lavoro (quello certificato dalle buste paghe) deve essere necessariamente full-time.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *