LA STAMPANTE PER CAPPUCCINI
19 Luglio 2013
BROCCOLI IN POLTRONA
24 Luglio 2013

QUANTO COSTA IL DIPENDENTE AD UN BAR O RISTORANTE

Con una tabella vediamo quanto costano, nei vari livelli, camerieri, cuochi e baristi, i dipendenti di un bar o di un ristorante.

 

Sono croce e delizia di ogni tipo di locale, che sia pub, bar, pizzeria o ristorante. possono essere un respiro di sollievo nella fatica quotidiana, un prezioso aiuto, una indispensabile presenza per l’andamento del locale; nello stesso tempo possono però essere fonte di grandi problemi di gestione e, come nessun altra cosa, possono pesare enormemente sul bilancio del locale.

Stiamo parlando dei dipendenti, e in questo post proveremo a capire quanto guadagna il dipendente di un locale e, sopratutto, quanto costa al proprietario. Per farlo mettiamo a questo punto una foto che ci farà da guida.

foto (12)

Come vediamo, nella tabella abbiamo, nella riga in alto, i vari livelli, partendo dai quadri dirigenti (food & beverage e direttori) per andare verso i vari livelli. Primo e secondo per figure professionali specializzate come gli chef, e terzo e quarto per figure come baristi, aiuto cucina e camerieri di sala. Lasciandovi la tabella per verificare le figure professionali che vi interessano di più, ci concentreremo qui sul 4° livello, la figura forse più comune nelle strutture di medio piccolo livello.

Di questa figura vediamo che la paga base è di 917€,a cui si aggiunge la cosiddetta contingenza, un meccanismo che esisteva fino agli ’90 di adeguamento all’inflazione diventato ormai, di fatto, una paga base a sua volta. questi valori si sommano per dare il totale lordo della busta paga di 1508e mensili. A questi di sommano gli oneri previdenziali INPS e INAIL (come si vede circa il 30% del totale lordo) a esso si aggiunge infine, oltre a voci secondarie, l’accantonamento di fine rapporto, di fatto la liquidazione, una cifra che andrà pagata, naturalmente, solo alla fine del rapporto di lavoro. Ci sono comunque numerose forme di assunzione flessibile, che trovate in questo post.

Il totale di queste voci da quindi una paga annua di 30.042€ e sopratutto una paga oraria di 18,82€, quella che ci interessa di più perché sarà la cifra per cui dovremo andare a moltiplicare il monte ore, cioè, come vediamo sempre nei corsi di gestione, il numero di ore di lavoro dipendente di cui il nostro locale ha bisogno per andare avanti. Un grazie alla consulente di ristorazione Luisa Rosolia per averci fornito il materiale per questo post.

 

11 Comments

  1. steven ha detto:

    CAro Mimmo.. devo ancora chiarire bene la tabella a dire il vero: la paga annua indicata, di 30.042 € annui, riguarda quante ore al giorno, per quanti gg a settimana? Ma intanto avrei un’altra domanda, anzi due: possibile, per rischiare meno, prendere un dipendente ma con orario part time? o 5 gg invece di una week completa? Inoltre, quando una donna va in maternità – ovviamente pagata, ci mancherebbe – il gestore non ha agevolazioni nel prendere in sua assenza un’altra persona, senza assumerla? (perché la prima tornerà al suo posto, ecco). Naturale che poi, su un part time, se il locale va bene, e se la persona è disponibile, si cambierebbe l’orario togliendo altra manodopera ‘a chiamata’ come ho letto da qualche messaggio. Prenderei solo una persona, per nn rischiare! Grazie Mimmo, ti leggo e rileggo.

    • Serena Grechi ha detto:

      Ciao Steven,
      sono Serena e lo ero anche di fatto fino poco tempo fà, finche ho aperto il bar e con le dipendenti e la gestione della famiglia…. non so se mi rimarrà qualcosa per me, per le ore che dedico al bar è vero che le ho assunte, le bariste, perchè ho un altro lavoro che mi permette di andare al bar in caso di imprevisti e non vado oltre con i particolari!!! In bocca al lupo!!! Da consumatore sembra tutto costoso, ma quando ti ritrovi dall’altra parte ti accorgi che i prezzi al pubblico sono sempre bassi!!! E’ vero che a volte nella vita bisogna anche buttarsi nei sogni di avere un proprio locale perchè chi non risica non rosica… ma chi troppo vuole poco stringe!!!
      Serena

  2. christian ha detto:

    Mimmo Ciao,
    Vorrei assumere una ragazza per il mio bar e sono indeciso
    sul contratto(part-time o a chiamata).
    Parlando con un rappresentante,mi ha consigliato il “contratto di associazione in partecipazione agli utili”
    dicendomi che così eviterei molte spese.
    ne vale la pena???

  3. per Serena... ha detto:

    Mi hai fatto crollare un sogno…. Allora mollo tutto, è tutto “fake”???? È possibile mai che questo paese difenda solo i politici criminali e dipendenti??? Io che decido di investire i risparmi di 20 anni di faticoso sudore per aprire un locale assumo un dipendente che non mi accorgo che è incinta e sono costretto a paharla per un anno dovendo assumere un altro dipendente….. IO AI SOGNI NON CI RINUNCIO INFATTI PORTO I MIEI SOLDI ALL ESTERO ALMENO UNA POSSIBILITA ME LA OFFRONO!!!!!!!
    GRAZIE.

  4. pierp.paolo ha detto:

    ciao volevo soltanto farvi alcune domanda per quanto riguarda il costo giornaliero compreso di tasse mediamente d un (barman,cameriere e ragazza che si occupa del guarda roba) aspetto una vostre notizie e grazie del vostro tempo

  5. marco ceschelli ha detto:

    usando i voucher di 10 euro dei quali 7.50 al netto al lavoratore,per lavoro occasionale,non continuativo,..weekend,or e di punta,mi sembra una ottima soluzione, verificate i limiti di utilizzo,ciao

  6. Gisella Olivieri ha detto:

    Buongiorno. Mio figlio lavora come cuoco in un bar. Sopraggiunte discussioni con la sorella del datore che ora è subentrata mio figlio si è visto costretto a mettersi in mutua prima (cosa che in tanti anni non aveva mai fatto, andando a lavorare in questo bar anche dopo un’operazione subìta) e a ritrovarsi il contratto cambiato verbalmente. Da che svolgeva lavoro dalle 10 alle 14 ora si trova costretto a lavorare dalle 20 alle 24. La motivazione del datore è per il subentro della stagione troppo calda! il vero motivo è che hanno assunto un ragazzino uscito dall’alberghiero che evidentemente pagano meno. Ma possono farlo? Cioè possono sostituire mio figlio con un’altra persona e cambiargli orario? Grazie

  7. rino ha detto:

    mio figlio andrà a lavorare presso un albergo con mansione cameriere (ha il diploma della scuola) le sembra giusto che ricevesse € 800 per 10 ore lavorative , senza riposi ferie e trdicesima , come mi posso comportare a riguardo. Attendo sua risposta , grazie cite

    • domenico marchi ha detto:

      Ciao Rino,
      per imparare veramente il mestiere di cameriere non e’ sufficiente avere solamente il diploma. Capisco benissimo che un tale stipendio e’ misero, ma se tuo figlio lavorera’presso una valida struttura,avra’ l’opportunita’ di fare una bella esperienza e se imparera’ bene il mestiere il prossimo anno potra’ pretendere molto di piu’.

  8. Alessandro ha detto:

    Buongiorno
    Peccato che l’articolo non sia stato piu aggiornato…
    comunque provo a chiedere lo stesso
    dove si può trovare una tabella aggiornata
    grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *