VENDESI PUB IRLANDESE A MONSELICE, PROVINCIA DI PADOVA
11 giugno 2012
LO IMMAGINATE NEL VOSTRO BAR UN CROISSANT SALATO ALL’AMARENA?
15 giugno 2012

BANDI DI FINANZIAMENTI PER RISTRUTTURARE BAR-RISTORANTI SCADENZA 29 GIUGNO 2012 !

Categorie:

Ecco la sintesi dei bandi con scadenza imminente a fine mese di giugno 2012 !

Come avevamo annunciato, e grazie alla collaborazione con il dottor Fabio Centurioni Pubblichiamo la sintesi dei bandi in scadenza nella seguenti regioni:

REGIONE MARCHE – REGIONE LOMBARDIA – REGIONE LAZIO – REGIONE TOSCANA sia a fondo perduto che a tasso agevolato, riguardanti il mondo dei BAR-RISTORANTI-COMMERCIO E PUBBLICI ESERCIZI.

Ecco il primo bando che il dottor Centurioni riassume in questo post (i bandi delle altre Regioni verranno riassunti e pubblicati su questo blog in tempi brevissimi, entro 24-48 ore)

Bando n.1: REGIONE MARCHE, Scadenza 29 giugno 2012-06-12

“CONTRIBUTI FONDO PERDUTO 20% PER SPESE DI RISTRUTTURAZIONE DI BAR, RISTORANTI E COMMERCIANTI AL DETTAGLIO FATTE NEL 2011 E 2012:

Spese rimborsabili: arredi, bancone bar, vetrine, attrezzature e ristrutturazione edile dei locali, incluse le spese per il rifacimento dell’impianto elettrico e termoidraulico.

SCADENZA: 29 giugno 2012

Investimento minimo € 20.000 massimo € 100.000

Il bando copre anche la costruzione di un immobile ad uso magazzino

Puoi vedere la VIDEO SINTESI DI QUESTO BANDO

Compila subito la scheda di valutazione dei punti per assicurarsi che rientrate nel finanziamento cliccando qui.

Bando n.2: CONTRIBUTI AL 50% per nuove aperture locali VALIDO SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE (IN OGNI REGIONE D’ITALIA): particolarmente indicato per l’apertura di nuovi BAR- RISTORANTI – GASTRONOMIE – PIEDINERIE – PANINOTECHE

Requisiti: Costituzione di nuova società di persone con metà dei soci non occupati.

SCADENZA : 31 dic. 2012

Contributo max € 140.000

Puoi leggere la sintesi del bando qui. Come il dottor Centurioni spiegava in un alcuni requisiti possono rendere più semplice l’accesso ai finanziamenti, fra questi:

  • Avere una società, in cui almeno il 50% dei soci è disoccupato.
  • Unire alla attività di somministrazione una artigianale, come aprire un bar pasticceria, una gelateria o birreria artigianale.
  • Elaborare un’idea unica, che possa ragionevolmente avere concrete possibilità di farci sopravvivere.
Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *