cocktail bar boadas
CALCOLARE IL FOOD COST DI COCKTAIL E DRINK IN UN BAR O RISTORANTE
25 Agosto 2010
CALCOLARE IL FOOD COST DI PANINI E PRIMI PIATTI NEI BAR
7 Settembre 2010

FARE MUSICA DAL VIVO NEL BAR E NEI LOCALI

Regole, uffici da contattare, moduli e percentuali per poter fare concerti di musica dal vivo nel proprio locale.

maxresdefaultDiciamocelo: la musica dal vivo è ben altra cosa rispetto al suono che esce da un pur efficiente stereo. E per di più ha il non irrilevante pregio di attirare sempre tanta gente, che si siede al tavolino del nostro bar e si gusta una birra o un cocktail mentre ascolta dei pezzi evergreen. Ma organizzare un “concertino” dal vivo, anche solo di chitarra e voce, in un locale, non è un’impresa semplicissima. Cosa fare per fare musica dal vivo nel nostro locale?

In primo luogo, in quanto esercenti, dobbiamo assicurarci che il nostro locale possa effettivamente ospitare della musica dal vivo, ossia essere “agibile”: per far ciò bisogna ottenere dall’ENPALS (Ente Nazionale di Previdenza e di Assistenza per i Lavoratori dello Spettacolo e dello Sport Professionistico) il certificato di agibilità. Se abbiamo appena aperto il nostro bar e vogliamo promuoverlo organizzando dei concerti, dovremo versare all’ENPALS un deposito cauzionale; inoltre, se assumiamo un musicista professionista, cioè dotato di Partita IVA, dovremo garantirci che anch’egli ne sia dotato! Il certificato si ottiene collegandosi al sito web dell’ENPALS o recandosi presso gli uffici SIAE.

Fatto questo compileremo il famoso “borderaux” (qualcuno, più semplicemente, scrive anche “borderò”) della SIAE, ovvero il Modello 107/OR, che altro non è che la lista dei brani che verranno suonati, e, dopo l’esibizione, lo presenteremo all’ufficio SIAE pagando il dovuto (come dicevamo, il 10% degli introiti complessivi, con un minimo di 93,42 € per locali fino a 100 posti), così che essa possa poi corrispondere agli autori i diritti derivanti.

Un altro capitolo da non sottovalutare sarà inerente l’acustica, una scorretta insonorizzazione potrebbe causarci molti problemi con i vicini, in questo post trattiamo in maniera più particolareggiata questa tematica.

Queste le formalità burocratiche. Naturalmente, se proprio vogliamo musica dal vivo nel nostro locale dovremo anche contattare i gruppi, preparare il palco e i relativi impianti, fare pubblicità all’evento etc. E’ importante farsi bene i conti, perché tra depositi cauzionali, diritti d’autore, spese organizzative e compensi dei musicisti è molto facile finire in perdita! Naturalmente ne ricaveremo un beneficio in termini d’immagine per il nostro locale, ma occhio a tenere sotto controllo le spese!

8 Comments

  1. valeria ha detto:

    rieccomi con un’altra domandina! 🙂
    è vero che se il cantante o musicista o quello che è non ha registrato i diritti d’autore, nè ha una partita iva nè ha niente a che fare con la SIAE ma produce pezzi di produzione propria non si deve niente alla SIAE?? O.o

    • mimmo ha detto:

      Ciao Valeria,
      se il cantante o musicista e’ disposto a suonare gratis non potendoti rilasciare ricevuta o fattura per il lavoro svolto non sara’ in regola, ne’ con il fisco, ne’ con la siae.
      mimmo

  2. Giuseppe ha detto:

    …ma alla SIAE non devi niente. Semmai è un problema fiscale…….

  3. michele ha detto:

    cerchiamo allestitori che possono aiutarci, per realizzare un drinklivemusic,nella citta’ di napoli.

  4. luca ha detto:

    Salve
    Soltanto Enpals e siae?
    Per fare musica dal vivo non ci vuole nessun’altro tipo di autorizzazione dal comune.?..
    Vi prego rispondetemi

  5. Paola ha detto:

    All’ufficio SIAE, competente nel territorio dove si trova il mio pub, mi hanno detto che i concerti tenuti a San Valentino e Halloween pagano doppio perché considerate festività.
    Sul sito del governo dove sono elencate le festività e i giorni in cui ricadono, ovviamente non ci sono.
    A voi risulta questo?
    In internet dove posso trovare qualcosa a riguardo?

  6. claudio ha detto:

    salve,
    tra il 2013 e il 2015 nel mio locale hanno suonato varie band, molte di queste hanno album canzoni proprie (etichette indipendenti) senza versare i diritti alla SIAE..
    ora, il personaggio SIAE mi ha fatto pagare circa 65 euro per ogni evento (obbligandomi a fare una chiusura cassa (inizio evento\fine evento musicale, queste chiusure cassa. considerando che non superano neanche le 350 euro è possibile che questo mi abbia rubato soldi??? un ultima domanda, non ho trovato nessuna norma che vieti o che mi dica di pagare per avere una console videogame…ne siae, ne monopolio stato. grazie!

  7. alessio ha detto:

    sto aprendo un agriturismo, vorrei fare musica live ogni sabato, volevo sapere da voi più esperti di cosa effettivamente ho bisogno, oltre ovviamente al compenso della band, ossia SIAE,ENPALS, impatto acustico… purtroppo sono ignorante in merito e vorrei delle lucidazioni grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *