LE LICENZE PER APRIRE UN BAR
10 marzo 2009
LA SFERIFICAZIONE DEI COCKTAIL
19 marzo 2009

LA TASSA SIAE NEI BAR E LOCALI PUBBLICI

Come funziona la SIAE, la tassa da pagare su musica, schermi e intrattenimento in bar e ristoranti.

codacons-siaeCome ogni anno, per chi ha un’attività e intenda diffondere musica nel proprio locale, vige l’obbligo di pagare la tassa S.I.A.E. (Società.degli autori ed editori) entro la fine di Febbraio, se pur con proroga fino al 15 marzo.
Da molti esercenti questa tassa è considerato un balzello in più a cui purtroppo è necessario sottoporsi, anche perché altrimenti si incorre in sanzioni amministrative e penali.
Infatti l’articolo 171- ter legge del 22 aprile 1941 nr. 633 punisce con reclusione da 6 mesi a tre anni, e con le multe da 2500 euro a 15000 euro gli evasori ! (mamma mia!)

La SIAE è un ente pubblico a cui è stato demandata e conferita la tutela dei diritti d’autore e delle opere di ingegno, e ogni volta che un’opera musicale è rappresentata in pubblico, eseguita, diffusa, riprodotta, l’autore ha diritto ad esigere un compenso, in relazione al suo utilizzo. Pertanto, quando un brano musicale viene diffuso mediante apparecchi tv, radio o quanto altro, e naturalmente dal vivo in pubblico,deve essere richiesta, preventivamente l’autorizzazione, e devono essere pagati i relativi diritti.
Le tariffe applicate sono annuali o periodiche, e variano dal tipo di apparecchio utilizzato, e dalla categoria del locale in cui viene diffusa la musica. Considerando un locale in zona centrale, si pagherà una tassa media di circa 90 euro annue per le radio, fino a 430 euro per lettori cd, nastri magnetici e dvd. Non esistono scappatoie, a meno di ricorrere a brani non coperti da tali diritti, ovvero a brani musicali di autori morti da più di 60 anni ( tale è la durata dei diritti d’autore in Italia) quindi Mozart a tutta!
Si possono individuare 3 grandi categorie
1) gli spettacoli, festival, rassegne musicali
2) intrattenimenti in discoteche, piano bar
3) musica d’ambiente

Ed è in quest’ultimo caso che esiste una controversia sulla legittimità di tale tassa, dato che le nuove tecnologie a disposizione , vedi le connessioni ad INTERNET, sembrerebbero non dover sottostare a tale balzello. Il consiglio è comunque di verificare bene con gli uffici competenti territoriali, comunali, provinciali etc, le norme vigenti.

Se poi avete bisogno di mettere in fila tutti gli aspetti tecnici, burocratici, legislativi e di marketing  per l’apertura di un bar, prendete parte ad una delle giornate full immersion di apertura e marketing di bar e locali che trovate su questa pagina, e magari portate anche piantine, bilanci e indicazioni del locale che state valutando, potrete valutarli gratuitamente a fine corso con i responsabili del nostro gruppo.

285 Comments

  1. antonio ha detto:

    ciao mi e stato chiesto di fare karaoke per festa privata in un locale ma io ho gia’ un lavoro e percepisco la busta paga ovviamente verso gia’ contributi non ce una autocertificazione che lo dice? …dove la trovo?
    empas e siae lo dovrebbe pagare il locale se non sbaglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *