GLI RLS: OVVERO IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA
11 Maggio 2009
I Finanziamenti da Torrefazioni, Aziende di Birra e Gelati
21 Maggio 2009

LIBERALIZZAZIONE DELLE LICENZE, UN’APPENDICE

E’ di pochi giorni fa una sentenza del Consiglio di Stato, che ha bocciato una norma del Comune di Milano, norma ponente limiti all’apertura di locali in città. Secondo il Consiglio di Stato un’amministrazione pubblica locale non può porre sbarramenti a chi vuole aprire un bar, un ristorante o un locale.
In base a questa sentenza l’unica norma che può regolare le aperture è quella, universale e antichissima, dell’equilibrio fra domanda e offerta.

Attenzione però, come ricordavamo in un altro post, una limitazione importante al di là delle licenze è data della destinazione catastale degli edifici…

14 Comments

  1. antonio ha detto:

    salve mi chiamo Antonio e volevo porre un quesito:io lavoro in un pub ed il mio sogno e quello di aprirne un giorno uno tutto mio,e a tal proposito ho sentito parlare di liberalizzazioni di licenze sia di ristorazione che di bar.Vi chiedo per piacere di aiutarmi a capirne qualcosa di più riguardo l’argomento in particolare sul rilascio di tali licenze nel comune di Napoli.Spero di risentirvi a presto

  2. giorgia ha detto:

    io ho pagato un anno fa 50 mila euro una licenza e ora così non vale più nullla ho buttato via quei soldi

  3. mimmo ha detto:

    Ciao Antonio,
    con la legge Bersani, e’ vero che c’e’stata la liberalizzazione delle licenze ma cio’ non significa che ognuno che ne faccia richiesta, il comune gliela rilasci. Come abbiamo gia’ detto molte altre volte, esistono dei vincoli, dovuti dal piano regolatore il quale varia da comune a comune. Comunque se trovi un locale idoneo,puoi benissimo fare una richiesta in comune per una nuova licenza. In bocca al lupo. mimmo

  4. mimmo ha detto:

    Ciao Giorgia, non e’ affatto vero che se hai speso una bella cifra per comperare una licenza, significa che hai buttato dei soldi, perche’non e’ detto che la licenza che ti occorreva ti venisse rilasciata tranquillamente dal comune. Buon lavoro.mimmo

  5. antonio ha detto:

    Grazie Mimmo sei stato gentilissimo e vorrei appunto approfittare di questa tua cortesia della tua preparazione in materia per porti un altro quesito.Vorrei sapere,data la farraginosa burocrazia italiana,dove andare e precisamente a chi rivolgermi per la richiesta di una licenza di ristorazione.Ti ringrazio anticipatamente.

  6. mimmo ha detto:

    Ciao Antonio,
    come ti ho gia’ detto puoi provare all’ufficio commercio del tuo comune oppure rivolgerti a qualche agenzia di compravendita (di solito immobiliare) della tua zona,infine puoi anche chiedere presso gli uffici della CONFESERCENTI o CONFCOMMERCIO.
    Saluti.mimmo

  7. betta ha detto:

    Ciao a tutti,
    una domanda: sono proprietaria di un immobile ad uso commerciale. Attualmente è un alimentari ma sto pensando di convertirlo in bar con piccola cucina (non tavola fredda). Mi sapete dire se devo richiedere in comune la licenza ex novo o basta una integrazione (alcoolici e cucina)?Inoltre, mi pare di avere capito che la concessione dell’autorizzazione da parte del comune è subordinata anche al numero di parcheggi disponibili nella zona, è vero? L’immobile è sito in Milano.

    Garzie mille in anticipo per la disponibilità!
    Betta

    • mimmo ha detto:

      Ciao Betta,
      se l’immobile ad uso commerciale e’ idoneo per un alimentari,per poterlo convertire a piccola ristorazione e bar, devi richiedere prima di tutto all’ASL quali lavori di ristrutturazione dovresti effettuare, poi puoi chiedere in comune il rilascio della licenza che ti necessita. Se la licenza alimentari non ti servira’ piu’dovrai chiedere una licenza ex novo,invece se pensi che potresti oncora usufruirne,dovrai chiedere una licenza integrativa. Per il numero di parcheggi disponibili nela zona commerciale, devi chiedre informazioni all’assessore al commercio,perche sono regolamenti che variano da comune a comune.
      In bocca al lupo. mimmo

  8. eugenio ha detto:

    ciao mimmo….mi serve un aiuto a capire di piu’ sulla liberalizzazione….sono proprietario di una pasticceria…..in franchise….e vorrei convertire la pasticceria in bar…..sono titolare di una licenza di tipo c…..come posso fare???…..devo richiedere una licenza exnovo…oppure fare un’integrazione di licenza???…..

  9. mimmo ha detto:

    Cioa Eugenio,
    con la legge Bersani, le licenze sono state liberalizzate, ma cio’ non significa che chiunque puo’ farne richiesta. Ci sono dei regolamenti comunali, che soprattutto nei centri storici, sono molto restrittivi.
    Puoi rivolgerti all’assessore al commercio del tuo comune e chiedere una eventuale integrazione, in base a quella che hai oppure una ex-novo.
    In bocca al lupo. mimmo

  10. Giuseppe ha detto:

    visto che è uscita la liberazzione, è dato che sono anche disoccupato sarebbe un ottima idea prendermi una licenza per portare i Taxi, come devo fare e a chi rivolgermo..grazie

  11. mimmo ha detto:

    Ciao Giuseppe,
    ancora non e’ stata approvata la legge, ma sicuramente avverra’ tra non molto. Per ottenere la licenza, oltre a prendere una patente di tipo B per uso pubblico, devi fare una richiesta presso il tuo comune.
    Saluti. mimmo

  12. fabio ha detto:

    salve io parlo dalla sardegna vivvo a cabras e volevo apene di piu come devo fare per aprire un bar nella mia lo calita cabras aspetto conferma a giambatista vicco n 4 cabras ciao grazie atuto cerco solo u aiuto!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *