APRIRE UNA CAFFETTERIA A BERLINO
14 gennaio 2016
LA TABELLA DEI GIOCHI PROIBITI DA ESPORRE AL BAR
21 gennaio 2016

COSTRUIRE IL BANCONE BAR CON UN BANC0 VETRINA DA PASTICCERIA

Grandi, costruiti come una enorme vetrina. Sono i banchi bar da pasticceria, perfetti se gestiamo una fornita pasticceria, pericolosi altrimenti. Vediamo come sono fatti e quanto costano.

 

Il banco bar vetrina da pasticceria, dal sito parolinsrl.it

Il banco bar vetrina da pasticceria, dal sito parolinsrl.it

Sono sempre più frequenti, sempre più grandi e sempre più spettacolari; sempre più capaci, in un banco bar, di catturare la nostra attenzione di clienti golosi. Attenzione: solo se nel banco c’è qualcosa capace di ingolosirci!

Stiamo parlando dei banchi-vetrina da pasticceria, quei grandi banconi bar quasi interamente costruiti come una enorme vetrina che se sul piano del banco permette al cliente di gustare il suo cappuccino, nei ripiani sotto gli permette di ingolosirsi, e di essere tentato da tutti i bignè, i babà e le delizie che il pasticcere ha preparato oggi.

Fino ad ora li abbiamo definiti da pasticceria, ma in realtà possiamo esternderli facilmente anche alle panetterie, alle boulangerie francesi e in generale a tutti i locali che hanno molto da esporre (alla fine questi banconi sono figli delle gelaterie).
Attenzioni, per questi locali i banchi vetrina da pasticceria possono essere davvero molto utili, capaci di risolvere diversi problemi (esposizione, ma anche lontananza, per l’operatore, della zona caffè con quella di servizio pasticceria, come abbiamo visto in questo post…) ma nei locali che hanno poco da esporre queste vetrine possono essere mortali, con spazi terribilmente vuoti o, peggio ancora, riempiti con arance finte e showroom di succhi di frutta. In questo caso, semmai, bisogna pensare al contrario, ad una vetrina piccola e che potrà essere nascosta o coperta alla fine della mattinata, come avevamo visto in questo post.

Su quest’ultima affermazione facciamo due ragionamenti: attenzione sia a comprare locali con grandi banchi

Un banco bar vetrina dal sito teknoidea.net

Un banco bar vetrina dal sito teknoidea.net

vetrina se non siamo ottimi pasticceri, e attenzione anche a fare questa scelta se non siamo sicuri di cosa diventerà il nostro locale, di che tipo di pubblico e di esigenza andrà a soddisfare (aperitivo? Colazione? Punto pranzo?); in caso di aperture nuovissime, sopratutto se siamo noi a non avere le idee chiarissime, sarà meglio mantenersi più sul neutro…

QUALI CARATTERISTICHE DOVREBBE AVERE UN BANCO BAR VETRINA?

Ciò detto, abbiamo chiesto ad alcuni esperti quali caratteristiche dovrebbe avere un banco vetrina da bar:

  • L’altezza, che in un classico banco vetrina, dove i clienti prendono il caffè, dovrebbe essere intorno ai 110cm.
  • I profili, di solito in alluminio, che reggono la struttura in vetro, dovrebbero essere sottili, per permettere la massima visibilità.
  • Il ripiano sottostante, dove si pongono i pasticcini, dovrebbe essere estraibile a cassetto, per un più facile riempimento e pulizia.
  • Il vetro frontale dovrebbe essere apribile, per facilitare la pulizia
  • Dovrebbe essere possibile una regolazione della temperatura, in linea di massima da 3/4° per la pasticceria fino a 13° per le praline al cioccolato.
  • Dovrebbe essere presente un isolamento fra vetrina e piano del banco, per evitare che risulti freddo al contatto.
  • L’illuminazione interna dovrebbe essere realizzata a led, che consumano meno e non riscaldano.

Quanto costa un banco bar vetrina da bar? Solito punto dolente, diciamo che, per quello che abbiamo potuto vedere sul mercato, si va sui 1800/2000€ per metro lineare…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *