APRIRE UN BAR A ST MAARTEN, NELLE ANTILLE OLANDESI
16 Novembre 2015
Bar Caffetteria in vendita a Arrecife – Lanzarote
20 Novembre 2015

LA PEDANA PER IL BANCO BAR E’ OBBLIGATORIA?

Installare la pedana del banco bar? Pro e contro, regolamenti, normative e costi.

 

La pedana del banco bar è obbligatoria?

La pedana del banco bar è obbligatoria?

Partiamo da questa foto: un banco bar di una caffetteria tedesca (si tratta della caffetteria all’interno di una banca, che avevamo visto in questo post) e sopratutto un banco bar del quale un barista nota subito una nota stonata: non c’è la pedana del bancone bar dove l’operatore normalmente cammina e lavora.

Ma, Germania a parte, questa pedana è obbligatoria? Siamo andati a vedere diversi regolamenti comunali, e sebbene tutti la trattino (dopo vedremo come) nessuno dice che essa è obbligatoria, anzi, alcuni regolamenti (per esempio quello di Follonica, in Toscana) parlano chiaramente di “l’eventuale pedana”.

A COSA SERVE LA PEDANA DEL BANCO BAR?

Se non per legge, però, questa pedana non è però suggerita e realizzata per pura consuetudine, può avere una reale utilità. Il suo scopo principale, e spesso imprescindibile è quello di evitare di aver fra i piedi i tubi e cavi che di solito collegano il bancone e tutte le attrezzature che contiene con il retrobanco; ad esempio tubi di carico e scarico acqua, cavi elettrici, scarichi dei frighi etc.

In questo senso c’è da notare una tendenza, sopratutto all’estero, quella di avere un “avanti banco” quello in cui serviamo materialmente i clienti, più stretto, e non contenente attrezzature, che si concentrano invece nel “back bar” il retrobanco, eliminando così cavi, tubi e necessità di pedane, oltre a porre l’operatore più vicino al cliente, materialmente e idealmente. Avevamo dedicato un post ai banchi bar innovativi, e nella foto sotto, un classicissimo (stiloso o no?) esempio Newyorkese…

La supercaffetteria Counter Culture, bancone senza pedana.

La supercaffetteria Counter Culture, bancone senza pedana.

Un altro aspetto che spesso viene evidenziato è il senso di riposo che può dare camminare su una pedana di legno, relativamente morbida rispetto al pavimento in piastrelle. Anche in questo senso abbiamo frugato sulla rete, e abbiamo chiesto perfino ad un costruttore di banco bar, che però non ci ha saputo citare alcuna fonte scietifica al riguardo, il tutto diventa quindi soggettivo…

Un ultimo aspetto da tener presente è quello di avere una visuale più alta, un pochino oltre l’eventuale fila dei clienti, per tener meglio d’occhio il locale e le necessità degli altri avventori nel bar.

I  REQUISITI DELLA PEDANA DEL BANCO BAR

In ogni caso, se la legge non la definisce obbligatoria, senz’altro la regolamenta. La pedana di un banco bar, per tutti i regolamenti comunali, deve essere facile da pulire e disinfettare, e molti altre normative si spingono a dire che deve essere più liscia possibile e in grado di “sigillare” tutte le fughe, gli spazi in cui potrebbe infilarsi lo sporco. Chi ha provato a pulirle sa bene di cosa parliamo…

 

QUANTO COSTA LA PEDANA DI UN BANCO BAR?

Visto che spesso chi costruisce o ristruttura un locale decide di installare, per necessità o immagine (per qualcuno rende il locale più ordinato) la pedana del banco bar, quanto costa quest’ultimo? Naturalmente i banchi bar vengono di solito proposti completi, e non è facile trovare il prezzo di pezzi singoli, come la pedana. In ogni caso abbiamo chiesto e trovato prezzi, per la pedana completa, spesso legno multistrato coperto da PVC, da 90 a 150€ al metro quadro. In questo post avevamo parlato di come comprare un banco bar usato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *