VENDESI BAR TABACCHI A CESATE PROVINCIA DI MILANO
23 settembre 2015
COMPRARE UN BAR E VALUTARE UN BILANCIO: CONSIGLI E TRUCCHI
28 settembre 2015

TROVARE LAVORO E LAVORARE IN NUOVA ZELANDA COME BARISTA

Il racconto di una ragazza che è andata e ha lavorato come barista in Nuova Zelanda. Come funziona, come si vive…

 

La magica Nuova Zelanda, come trovarvi lavoro?

La magica Nuova Zelanda, come trovarvi lavoro?

Nuovo corso nuovi incontri e nuove prospettive di vita e di lavoro. All’ultimo corso di tostatura, fra i partecipanti, una simpaticissima e poliedrica ragazza toscana, ma toscana, almeno di ritorno, da poco, visto che ha trascorso un lungo periodo di lavoro in Nuova Zelanda. Elena, questo è il suo nome, è arrivata nel paese degli antipodi soprattutto per una esperienza di vita, senza particolari competenze di lavoro al bar (anzi, è una bravissima grafica, di cui vi invitiamo a vedere i lavori sul suo sito) arrivata però “down under” come dicono gli australiani, si è resa conto che, anche in Nuova Zelanda ”l’ospitalità” è il settore dove è più facile lavorare, e ha scoperto una nuovissima realtà…

Ciao Elena, intanto perché così lontano?
Lontano lontano, nella terra più lontano dall’Italia. Ammetto di essere una viaggiatrice, ma una viaggiatrice stanziale. Prima di andare fra i “kiwi” avevo trascorso cinque anni in Svezia, poi, l’idea di conoscere l’altra parte del mondo mi affascinava veramente…
Sono arrivata a Wellington, in Nuova Zelanda con un visto, una VISA che molti ragazzi conoscono: il Working Holiday. Questo visto viene dato con facilità fino ai 31 anni di età e permette di andare per un anno, trascorso il quale è relativamente facile rimanere con una situazione lavorativa stabile.

Ecco, la situazione lavorativa, com’è in Nuova Zelanda?
Allora: mentre l’Australia è piena di italiani, la Nuova Zelanda lo è molto meno, e questo anche perché questa terra di montagne e mare freddissimo è più povera dell’Australia, con una valuta anche meno pregiata. Vi si sta comunque mediamente bene e trovare lavoro non è difficilissimo, inoltre i Neozelandesi sono molto disponibili. Se la ragazza che era con me ha trovato lavoro in una libreria, io ho provato in una caffetteria, e nonostante partissi veramente da zero, mi hanno comunque accolto e “fatta crescere”…

Fatta crescere in una caffetteria. Com’è il movimento caffè in questa terra così lontana?
Eh, voi scherzate (Elena ci prende in giro, ma non troppo N.D.R.) ma sapete bene che questa nazione è all’avanguardia nella cultura del caffè (verissimo!). Quasi ovunque ci sono caffetterie che propongono le loro miscele, spiegate nei dettagli, e che tostano il loro caffè direttamente nel negozio. Potrei dire che in questa terra ho scoperto quel pianeta caffè che in Italia assolutamente non immaginavo.

Dove lavoravi esattamente?
Di fatto era solo un piccolo localino specializzato in take away, quindi un sacco di latte da montare e gran bicchieroni di carta, ma tutti con qualità…

Sono famose, nel mondo anglosassone, le preparazioni che mixano caffè e latte, ci fai un riassunto?
Certo, ci sono:

  • Cappuccino: tazza molto grande e schiuma a cupola
  • Latte: caffèlatte in bicchiere in vetro (o take away) da acqua vecchio stile, espresso doppio e un centimetro di schiuma.
  • Mocaccino: come un cappuccino ma con un cm di cioccolata calda sul fondo.
  • Long black: in tulip cup (una tazza da cappuccino alte e un po’ stretta) acqua calda e poi espresso sopra, per qualche motivo viene più corposo di un caffè americano fatto al contrario (provate baristi N.D.R.)
  • Flat white: una via mezzo fra espresso e cappuccino. Tulip cup con metà latte e espresso doppio. È da notare che questa preparazione, cui abbiamo dedicato questo post, sembra sia stata inventata proprio in questa terra…

Elena, che consiglio potremmo dare sulla Nuova Zelanda?
Di andare! I neozelandesi sono favolosi, lenti, tranquilli e ospitali. Incontri persone che non sono mai uscite da quella nazione, sono curiose, ci si sente in un mondo davvero diverso, a testa in giù!

Tags:
  • estero
  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *