Cedesi Quota in Bar Caffetteria a Brescia
17 Giugno 2015
I MIGLIORI COCKTAIL PER IL BAR VISTI DALL’ APPASSIONATA
25 Giugno 2015

Serve la Scuola Alberghiera per Lavorare in Bar e Ristoranti?

Lavorare in un bar senza esperienza è difficile, come per qualsiasi altro lavoro, ma frequentare un istituto alberghiero può essere utile per questa professione?

 

Una scuola alberghiera in Africa, queste scuole nel mondo formano spesso l'eccellenza di questa professione

Una scuola alberghiera in Africa, queste scuole nel mondo formano spesso l’eccellenza di questa professione

 

In questo periodo di fine anno scolastico alcune scuole alberghiere ci hanno invitato, con la nostra scuola di caffè, a tenere alcuni corsi, alcune lezioni di caffetteria e latte art presso le loro sedi. Per noi non poteva non essere un’esperienza interessante, per vedere il bar dal punto di vista del ragazzo che, fin da giovanissimo, vede nel mondo della ristorazione e dell’ospitalità la sua professione.

Avendo avuto come primo contatto i professori che ci hanno chiamato, siamo stati davvero colpiti proprio da loro, dai professori, persone che pur muovendosi in un ambiente che vogliamo definire classico ma che potremmo chiamare vecchio, fatto di attrezzature e approcci purtroppo spesso superati, sanno tenere d’occhio un mondo che cambia, chiamando professionisti esterni e non perdendo occasione per trovare nuovi stimoli per i loro ragazzi. Forse non saranno tutti così, ma così sono stati quelli con cui siamo entrati in contatto, tanto da mettersi in gioco loro stessi, insieme ai ragazzi, imparando nuove abilità e competenze.

Ciò detto però, dobbiamo rimarcare che la scuola alberghiera è un istituto professionale, deve avviare ad una professione, c’è, per questo possibilità di ingresso nel mondo del lavoro? La scuola alberghiera aiuta nell’ingresso nel mondo lavorativo? Lo abbiamo domandato ai professori stessi.

  “Per chi vuole e ha le capacità” ci dicono “gli sbocchi di lavoro ci sono eccome, le catene alberghiere di livello mondiale sono piene di ragazzi svegli usciti dalle scuole italiane. Certamente, come in ogni professione, per emergere è necessaria passione, alcune attitudini caratteriali alla disciplina e al lavoro in comune (in cucina si lavora in “brigata” e all’estero il lavoro in team è considerato fondamentale) e tanto tanto impegno. Se si è disposti a questo (e non è facile) la scuola alberghiera può essere una bella piattaforma dove cominciare a costruire il proprio futuro, sia in sala, che in cucina, che nella parte reception/management”.

Peraltro, da alcuni anni è attivo il sistema di “alternanza scuola lavoro” che permette, andando avanti con gli anni di scuola, di avere accesso ad un sistema di stage per lavorare in bar e ristoranti, e in cui il futuro professionista comincerà a misurarsi con il vero mondo del lavoro. Per le quarte e quinte classi, il sistema prevede anche periodi all’estero, altro elemento fondamentale per costruire una professione che, per sua natura, ci porrà a contatto con persone, colleghi o clienti, da tutto il mondo.

Il che aggiunge un altro tassello che dovremmo obbligatoriamente porre nella nostra formazione: le lingue! L’inglese e almeno un’altra lingua straniera dovranno essere fluenti, e ogni altra conoscenza più che basica di ogni altra lingua sarà un’importantissimo mattoncino che aggiungeremo al curriculum.

 

OK PER LA SCUOLA, MA SI PUO’ LAVORARE IN UN BAR SENZA ESPERIENZA?

 

Una scuola alberghiera in Svizzera, molti ragazzi orientali...

Una scuola alberghiera in Svizzera, molti ragazzi orientali…

 

Diciamoci la verità, nel 99% dei casi, la scuola, anche alberghiera, rimane una strada percorsa e percorribile da parte di chi ha seguito un normale iter scolastico, difficilmente frequentata da persone adulte (anche se sarebbe possibile!) o perfino da ragazzi e ragazze ventenni o trentenni. E quindi? Per chi volesse lavorare nel mondo dell’ospitalità, ma ha perso il treno della istruzione “istituzionale”? Come possiamo fare esperienza per lavorare nei locali?

Beh, prima abbiamo parlato del progetto di alternanza scuola lavoro, e proprio questo prenderei come riferimento. Con tre step:

  • Come prima cosa dobbiamo infatti studiare, prendendo parte ai corsi di caffetteria o di barman riconosciuti che vengono svolti in varie regioni italiane. Questi corsi saranno fondamentali, per imparare in un’ambiente “protetto” le tecniche più aggiornate, e per acquisire la competenza su come funzionano i processi, perfino chimici, che coinvolgono il nostro lavoro (in questo post uno studio articolato su come montare il latte per il cappuccino).
  • Come seconda cosa lavorare, anche soltanto alla sagra paesana, o al circolo locale, o fungendo da volontario a qualche manifestazione, anche perchè l’idea di “andare a lavorare da un amico che ha un bar” è spesso resa complessa da regolamenti e assicurazioni sul lavoro.
  • Ma, fra i consigli che possiamo dare per lavorare in un bar aggiungerei un terzo elemento: abbiamo bisogno di esperienza? Facciamola, in tutto! Andiamo quindi a vedere fiere, eventi, gare, esibizioni, altri locali, leggiamo e guardiamo ogni video possibile, insomma, costruiamoci e sfruttiamo la passione che ci guida verso questo lavoro!

Una curiosità finale, come saprete la scuola alberghiera si divide in tre grandi settori, cucina, sala e ricevimento, con un rapporto fra le iscrizioni, in questi tre settori, di 5 -2 – 1, questo rapporto, con molti ragazzi che si dedicano alla cucina, non sembra essere dovuto, secondo gli insegnanti con cui abbiamo parlato, alla esposizione alla cucina mediatica e agli chef televisivi di questi ultimi anni… Viva Carlo Cracco!

 

CLICCATE QUI e scoprite i nostri CORSI DI CAFFETTERIA, LATTE ART E BARMAN

1 Comment

  1. […] avevamo parlato qualche tempo fa di una nostra esperienza nel mondo della scuola alberghiera, bene, oggi siamo felici di ospitare un contributo del Professor […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *