VENDESI BAR A MILANO ZONA FIERA
31 Luglio 2012
VENDESI BAR NEL CENTRO STORICO DI RIMINI
3 Agosto 2012

APRIRE UN BAR CON UNA IMPRESA CONIUGALE

La più conosciuta è l’impresa familiare, ma la meno conosciuta impresa coniugale può essere un modo intelligente per creare una società che gestisca la nostra attività, bar o ristorante. Vediamo cos’è nel dettaglio.

2256888173_bce7b03e4aÈ probabilmente la forma di gestione più classica, ma anche la forma di impresa, di società, meno conosciuta fra chi va ad aprire un nuovo locale. Sono tantissimi i bar italiani (ma anche stranieri) gestiti da marito e moglie, magari con uno dei due coniugi che mantiene, almeno all’inizio, un posto di lavoro fisso (in molti casi anche per funzionare come garanzia verso un prestito bancario). Tantissimi i bar di coniugi ma poche le imprese (o le aziende, secondo alcune fonti) coniugali.

L’impresa coniugale è una forma di impresa, ben disgiunta da quella familiare. L’azienda familiare infatti può essere costituita fra parenti fino al terzo grado, il matrimonio non è quindi una condizione essenziale e il titolare ha verso i suoi familiari degli obblighi, di mantenimento e di partecipazione agli utili. Nell’impresa familiare invece le responsabilità e gli obblighi sono divisi in ugual misura e essa può essere costituita solo fra marito e moglie e solo dopo il matrimonio.

Dovendo pensar di scegliere fra le due forme societarie: familiare o coniugale, c’è da dire che i costi di costituzione sono minimi in tutti e due i casi, qui li vediamo in dettaglio.

Mentre il capitale su cui possono rivalersi i debitori in caso di insolvenze sarebbe quello del titolare nel caso dell’impresa familiare mentre quello congiunto, in comunione dei beni, per l’impresa coniugale. Per una descrizione più tecnica vi rimando a questo link; per parere personale direi che Se non si é scelto il regime di comunione dei beni al momento del matrimonio potrebbe essere saggio mantenere proprietà disgiunte, per salvare una fetta di proprietà e patrimonio in caso di problemi. Tempo dopo aver scritto questo post, abbiamo avuto anche la possibilità di intervistare un consulente del lavoro riguardo quanto si paga di tasse e quanto costano i collaboratori familiari, trovate l’intervista in questo post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *