COME FUNZIONANO I BUONI PASTO PER BARISTI E RISTORATORI
6 Aprile 2009
COMPRARE UN BAR
20 Aprile 2009

I TE’ VERDI GIAPPONESI AL BAR

Molto interesse hanno suscitato i post sul tè (a proposito, se qualcuno ne è esperto e ci vuol mandare un post sull’argomento…) in questo post volevo occuparmi dei tè che più di tutti vengono percepiti come salutari, simbolo di purezza ed equilibrio: i tè verdi.

Questo tipo di tè (ma più precisamente questo tipo di lavorazione) è tipicamente giapponese, tanto da essere chiamato in estremo oriente “tè giapponese” anche se in realtà questo tè arrivo nel paese del sol levante dalla Cina, e sembra portato dal monaco che portò in Giappone anche una scuola di Buddismo.
Il tè verde è al giorno d’oggi coltivato in Giappone nelle aree di Fukuoka, Kyoto ed Shizuoka.

Pur definito e trattato tutto come tè verde, la qualità può variare tantissimo a seconda della coltivazione e del tipo di pianta usata. Anche il costo può variare da pochi a centinaio di euro per chilo.

Fra i tè verdi giapponesi i più famosi sono:
Bancha: è il tè più comune. È il tè Sencha raccolto fra l’autunno e l’inverno. È fermentato al vapore, come tradizione in Giappone.
Gyokuro: uno dei più pregiato. Il suo nome si riferisce al colore pallido dell’infusione. Le sue foglie sono lasciate crescere all’ombra.
Kamairicha: tè non trattato al vapore, ma su piastre roventi. Non ha il caratteristico sapore amaro dei tè giapponesi.
Maicha: simile al Gyokuro. In Giappone è molto usato come ingrediente per il gelato e per i dolci.

Tags:
  • Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *