IL BAR CHE CONSEGNA PACCHI
23 marzo 2015
CHI DICE CHE MANGIARE FUORI DEVE ESSERE SANO? IL CASO DELL’HEART ATTACK GRILL
30 marzo 2015

MACINACAFFÈ AL BAR: NE BASTA UNO SOLO?

Alcuni bar hanno un macinacaffè più piccolo per il decaffeinato. Conviene usare più macinini? E che caratteristiche devono avere?

 

Un bar con due macinacaffè on demand

Un bar con due macinacaffè on demand

Ormai, anche da clienti, ci siamo abituati. Quando chiediamo un decaffeinato (caffè da sfigati? Ma quando mai!) nei bar più attenti non ci aprono una bustina dalla dose dubbia e dal risultato deludente, ma macinano il caffè direttamente, al momento, da un macinacaffè più piccolo di solito posto di lato a quello più grande, principale.
Questi macina caffè che potremmo definire mignon (nome adottato proprio per un prodotto di questo tipo da una azienda italiana costruttrice di macina caffè) sono nati per affiancare le macchine da espresso da casa, e con il tempo, e con l’avvento massiccio del pianeta capsule sul mercato domestico, sono cresciuti sia in prestazioni sia in raggio d’uso, fino a rientrare proprio dalla porta dei bar.
Complice di questo percorso è stato anche un approfondimento della cultura del caffè, anche in Italia, e sempre meno baristi trovano strano (ma alcuni lo trovano ancora stranissimo) disporre e gestire una batteria di macinini, in modo da offrire alla clientela non solo un decaffeinato di qualità (ma attenzione, la qualità non si fa solo con il macina caffè, ci vuole anche una miscela decaffeinata all’altezza) ma anche caffè in miscela e in monoorigine (non miscelati) alternativi a quello principale, per permettere alla clientela di compiere un viaggio nelle divesità, affascinanti, del caffè.

Le caratteristiche che potremmo chiedere a questi macinacaffè sono, almeno a nostro avviso.

  • Essere un “on demand” (anche detto doserless) vale a dire un macinacaffè senza il dosatore dove si raccoglie il caffè macinato e si fa “click” con la levetta per versarlo nel portafiltro. Un “on demand” macinerà il caffè al momento, permettendo, soprattutto in caffè che si vendono meno rispetto a quello contenuto nel macinacaffè principale, di salvaguardare al meglio gli aromi, che si disperdono rapidamente nel caffè macinato.
  • Un corpo in metallo, solido e anche un po’ pesante, in modo che il macinino non si muova mentre lo utilizziamo.
  • Una macina in acciaio, quelle in plastica, che si possono trovare in alcuni prodotti di basso livello, danno davvero risultati deludenti.
  • Macine del diametro di almeno 50mm, per non scaldare troppo il caffè e avere una accettabile velocità di macinatura.
  • Un temporizzatore, in modo che la macchina sia settata per macinare una certa quantità e poi si stoppi da sola.

I prezzi? Per i modelli davvero affidabili si va da 300€ in su, ma se proprio dovete chiedere le attrezzature alla torrefazione…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *