RISTORANTE IN AFFITTO D’AZIENDA ZONA CREMONA
30 Ottobre 2014
LA PIZZA DAL DISTRIBUTORE VENDING
3 Novembre 2014

I BAR DAVANTI A OSPEDALI E IN ZONA UFFICI. SONO SEMPRE DEGLI AFFARI?

Partendo da un caso pratico, facciamo qualche riflessione sui bar di servizio posti davanti a scuole, ospedali e zone uffici, sono delle buone location o nascondono delle trappole?

 

hospitalLa nostra riflessione di oggi prende spunto da un caffè preso davanti ad un ospedale bolognese, una struttura grande ma non grandissima, al mezzogiorno di un sabato settembrino. Pagando il nostro caffè riceviamo lo scontrino numero 60. Come i nostri lettori sapranno bene, la valutazione di uno scontrino medio come questo ci porta ad una valutazione di 2.30€ per ogni scontrino, quindi, moltiplicato per 60, a un totale di 138€. Onestamente non è molto. C’è da considerare che è sabato, quindi il movimento è minore rispetto ad un giorno feriale; l’ospedale ha però comunque un organico, e parenti e visitatori si trovano, purtroppo, anche in un giorno feriale. Per farla breve, diciamo che in un giorno lavorativo l’incasso possa raddoppiare, e salire così a 280€ per mattinata. Il bar, che è un po’ vecchiotto, non ha pranzo, è una pasticceria pura, e c’è da pensare che nel pomeriggio gli incassi salgano di poco, diciamo che il cassetto possa arrivare a 400€. Nel locale noi abbiamo contato 3 persone al lavoro quando siamo arrivati, e considerando gli affitti del centro, c’è da pensare che questo locale non abbia grandi margini.
Ma, partendo da questo contesto, i locali come questi, con una clientela stanziale (uffici, ospedali, scuole) molto forte, sono sempre degli affari?
C’è da tener presente che all’interno di queste strutture, che tecnicamente vengono definite “comunità” ci sono sia le macchinette dal caffè (beh dai, le nostre moka) portate da chi ci lavora, e spesso ci sono le macchinine vending, quelle che per 50 centesimi ci propinano un caffè di terribile qualità; così come, in questi tempi di crisi, non è difficile che, chi lavora, si porta il pranzo da casa, sopratutto se l’azienda mette a disposizione un microonde.

Come si supera questo impasse? Con il più classico e efficace dei rimedi: la qualità. Una ottima qualità percepita, una gran pasticceria per esempio, può fare la differenza, fino a portare il dipendente della struttura, e perfino il fruitore, a fare due due metri in più, uscire e spendere un’Euro in più; quando la qualità è alta, tutti noi lo facciamo…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *