A BUON INTENDITOR…
4 luglio 2014
LA REGISTRAZIONE SANITARIA PER APRIRE UN BAR O UN RISTORANTE
9 luglio 2014

UNA VALUTAZIONE INCASSI-RICAVI PER UN PICCOLO BAR DI PAESE

Abbiamo analizzato spese e incassi di un piccolo bar in un paese, per scoprire con piacere che, in questo caso, una famiglia riesce a farci uscire un decente stipendio…

 

San_michele_a_corsanico_05E’ l’Italian style, siamo una nazioni di città, ma sopratutto di piccoli, e talvolta piccolissimi borghi, la nostra meraviglia. Alcuni di questi borghi hanno, proprio in virtù della loro meraviglia, una grande notorietà turistica, e gli esercizi che vi risiedono possono godere di un potente motore, in altri casi, però, il borgo non è così fortunato, e le cifre coinvolte saranno ben più basse. Un recente giro in un delizioso paesino toscano ci ha permesso di ragionare il probabile business plan, con costi e ricavi, del bar di un paesino di circa mille abitanti, una riflessione che speriamo possa essere utile agli altri ragazzi che stanno valutando situazioni simili.

Contrariamente a quanto suggeriamo per la costruzione di un business plan (come farlo lo trovate qui) cominciamo a valutare i costi, poi vedremo quanto il locale dovrebbe incassare. Fra i probabili costi (ammetto che non siamo andati a chiedere) annoveriamo:

  • Affitto: il fondo potrebbe essere di proprietà, ma visto il contesto è probabile che i ragazzi paghino alcune centinaia di Euro (300?) al mese. Quindi 3600 annui.
  • Il costo del personale. Marito, moglie e un figlio. Trattandosi di un nucleo familiare, possiamo calcolare che non ci siano stipendi veri e propri; in ogni caso i nostri verseranno annualmente per INPS e INAIL circa 3500€ a testa (vedi qui per le aziende familiari).
  • Varie, a cominciare dalle utenze. Luce, gas e acqua possono influire in un bar simile per circa 3500/4000€ l’anno, altre spese possono pesare per altri 7000/8000 annui, considerando tasse come i rifiuti, il commercialista, le riparazioni e altro…

 
A questo punto abbiamo un totale spese fisse di circa 20.000€. Aggiungiamo adesso il food cost, il costo della materia prima. Partendo dall’idea che il costo degli ingredienti si aggira di solito sul 30% del fatturato (vedi questo post) un food cost che permetta di coprire le spese dovrebbe essere di almeno 6000€, il che ci porta il totale spese a 26.000€ annui, che, calcolando 300 giorni di apertura (gli lasciamo un giorno per stare insieme?) fanno 86€ al giorno. Da una analisi dello scontrino medio che abbiamo fatto, questo locale incassava circa 230/250€ al giorno, che, anche se diventano circa 200€ al netto, gli lasciava decenti possibilità di mettersi in tasca uno stipendio. Attenzione però, se fossero meno bravi a portar clienti, o se dovessero assumere un dipendente, i conti non tornerebbero più…

Se state seguendo un progetto e state valutando un locale, ricordate che al termine della giornata di incontro che ogni mese dedichiamo alla apertura e gestione dei bar, e possibile portare piantine, bilanci, foto e altro materiale per una chiacchierata con i nostri docenti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *