APRIRE UN BAR CON UNA COOPERATIVA
3 dicembre 2012
CEDESI IN GESTIONE BAR A TAPAS – VINERIA IN PROVINCIA DI SAVONA
8 dicembre 2012

QUALI ATTREZZI SERVONO PER FARE GLI APERITIVI AL BAR

Boston, strainer, muddler… gli attrezzi per fare cocktail sono pochi, ma è necessario conoscerli bene e saperli usare con proprietà per fare i migliori cocktail e aperitivi al vostro bar, sentiamo da Emiliano quali sono gli strumenti davvero utili.

Siamo andati a sentire Emiliano, il docente dei corsi base di cocktail, per rispondere non ad una domanda, ma ad una esigenza di chiarezza verso molti ragazzi che non hanno molta esperienza e si trovano ad aprire il loro american bar o nel pensare l’investimento per creare l’area aperitivi per il loro bar. Quali attrezzi servono veramente? Come non farsi trovare sguarniti di qualcosa di fondamentale ma nello stesso tempo non spendere inutilmente in attrezzature che poi restano a prendere polvere sugli scaffali e sulle mensole?

Vediamo insieme qual è l’attrezzatura minima che ogni barman degno di questo nome deve possedere e saper usare (con destrezza, non c’è peggior pubblicità per un locale che un barman imbranato…)

  • 1. I tappi dosatori: come diciamo sempre nei nostri corsi di base barman full immersion, essi saranno i vostri nuovi migliori amici, perché vi consentiranno di dosare con precisione – dopo aver imparato le tecniche di versaggio, s’intende – gli ingredienti che compongono ciascun cocktail.
  • 2. Il cavatappi: i napoletani lo chiamano tirabusciò (dal francese tire-bouchon) e sebbene il suo utilizzo sembri intuitivo e tutti lo conoscano, un barman lo utilizzerà secondo dei movimenti precisi e rigorosi, per evitare che il tappo di sughero si rompa e lasci residui all’interno della bottiglia.
  • 3. Il jigger o misurino: direttamente dagli Stati Uniti, questo piccolo contenitore misura esattamente un’oncia di liquido, ma se non siete pratici con le unità di misura anglosassoni, non disperate: esistono altri modi per calcolare le dosi!
  • 4. Il mixing glass o bicchiere da bar serve a contenere per poi miscelare gli ingredienti dei cocktail; la sua anima gemella si chiama…
  • 5. … il tin, in metallo, dove si versa invece il ghiacchio. Quando il mixing glass e il tin si uniscono formano il boston, proprio come la città americana. Lo sapevate che il boston, se correttamente chiuso, è a tenuta stagna?
  • 6. La paletta per il ghiacchio (di solito accoppiata alle apposite pinzette), perché il ghiacchio non si tocca mai (ok, quasi mai…) con le mani.
  • 7. Lo stirrer o cucchiaino miscelatore: oggetto di strana foggia ma di grande utilità: se adeguatamente impugnato consente di miscelare rapidamente un cocktail o di raffreddarlo senza che il ghiaccio si sciolga e lo annacqui.
  • 8. Il muddler o pestello, come dice il nome stesso serve a pestare: per esempio il lime e la menta di un mojito, oppure il ghiaccio, per tritarlo. Ma usarlo senza farsi male è un’arte da imparare con molta pratica!
  • 9. Un coltello per tagliare la frutta e tutto ciò che può decorare in maniera colorata e divertente i nostri cocktail.
  • 10. Lo strainer o colino, da applicare sopra il tin o sopra alcuni bicchieri per filtrare il contenuto lasciando all’interno il ghiaccio.

Certo, l’attrezzatura, per un bar degno di questo nome, non si esaurisce qui e include diversi altri strumenti. Ma questa lista ci pare costituire il minimo comune denominatore, o, se si vuole, la base di partenza per cominciare a offrire ai nostri clienti i cocktail e le bevande più diffuse e più note dell’aperitivo italiano.

Il prossimo corso di barman di Emiliano, fra l’altro, è previsto il 15 dicembre in una nuova location, e i baristi che puntano davvero a far faville possono puntare ad una due giorni di formazione, visto che il 14 dicembre è previsto un corso di latte art, come si diceva, due piccioni… (state leggendo questo post anni dopo? Le date aggiornate le trovate sempre qui.

4 Comments

  1. […] via http://aprireunbar.com/2012/12/06/quali-attrezzi-servono-fare-gli-aperitivi-al-bar/ […]

  2. […] stata: la pratica con gli strumenti. Versare, dosare, miscelare, servire; conoscere i bicchieri e le attrezzature; simulare le richieste dei clienti più esigenti. Ecco le cose che quasi tutti i corsisti non […]

  3. […] A proposito, alcuni dei termini di attrezzature citati nell’intervista non vi sono chiari? Spulciate questo post… […]

  4. MarKome ha detto:

    Salve, dove posso acquistare attrezzature per bar online? Ho visto che ci sono diversi siti, ebarman, rgmani, nonsoloflair.. quali sono i migliori? Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *