Come Fare le Crepes al Bar
5 Gennaio 2009
IL VINO AL BAR: I VINI ROSSI
14 Gennaio 2009

Come Fare La Depurazione Della Macchina Del Caffe

Tutti i metodi, dai sistemi automatici all’osmosi inversa, per il come fare la depurazione della macchina da caffè.

Come fare la depurazione della macchina del caffè? Nostro obiettivo eliminare il calcare

Una fra le cose complicate che ci si trova a dover imparare quando si lavora o si possiede un bar è il cosiddetto “fare il sale alla macchina del caffè”. Complicata? Più nell’idea che nella realtà; le recenti innovazioni tecnologiche hanno reso in realtà molto semplice questa operazione fondamentale.

Molto semplice ma non nella definizione, che a volte crea invece confusione. Cosa c’entra il sale con il come fare la depurazione della macchina del caffe? E, controsenso ancora più grosso: perché si dice “Come fare il sale all’addolcitore?” Da quando in qua il sale addolcisce?

Facciamo chiarezza.

Sale, calcare e depurazione nella macchina da caffè

L’acqua che viene immessa nella macchina da caffè non ha bisogno di essere depurata da sostanze inquinanti o tossiche, non dal cloro che viene riversato negli acquedotti pubblici per abbassare il rischio di proliferazioni batteriche. O meglio, alcuni sistemi più evoluti fanno anche questo, ma il punto principale è che l’acqua in ingresso nella macchina da caffè da bar (ma anche nel ferro da stiro, nel bollitore da casa e perfino nei termosifoni) ha bisogno di essere privata/depurata dagli ioni di calcio e magnesio, che combinati in acqua a temperatura elevata tenderanno ad aggregarsi, a precipitare e a formare il famigerato calcare.

La depurazione non serve quindi a rendere più “buona” l’acqua, ma solo a far si che la nostra macchina da caffè al bar non sia intasata dal calcare nel giro di pochi mesi.

  • La tecnologia più diffusa per ottenere questo risultato è ancora quella basata sullo scambio tra ioni di sodio e ioni di calcio e magnesio, per questo si usa il sale per “depurare” l’acqua.
  • Questa operazione si dice rendere più “dolce” l’acqua privandola di quei minerali che la rendono, appunto “dura”.

La tecnologia più diffusa abbiamo detto, ma in realtà non più l’unica. Vediamo qui sotto come fare la depurazione della macchina caffe da bar con il classico sistema a sale, ma anche con i più evoluti metodi a cartuccia oppure a osmosi inversa.

Come fare il sale alla macchina del caffè del bar con le macchine a levetta

Come ci spiega Bruno Neri, specialista del trattamento delle acque, il concetto dei depuratori a sale si basa sulla capacità di alcune resine, dette zeolitiche, di intrappolare gli ioni di calcio e magnesio, responsabili del calcare, rilasciando in cambio ioni di sodio.

Ma come funzionano in pratica?

I sistemi di addolcitori a sale per macchine da caffè da bar sono essenzialmente due:

  • Il sistema manuale o a levette
  • Il sistema automatico o a timer

Il primo metodo è l’incubo di molti baristi. Richiede una ben precisa sequenza  di operazioni che se sbagliata rischia di:

  • Farvi fare il bagno con l’acqua ad alta pressione contenuta nella bombola di acciaio 
  • Riempire la caldaia della macchina di acqua salata con conseguente caffè salmastri!

L’apparecchio che permette l’operazione è composto di una bombola di acciaio con installate alcune levette e tubicini che aprono e chiudono i canali di “lavaggio” dell’acqua.

Questo impianto non viene quasi più installato, ma è ancora possibile trovarlo, magari in qualche vecchio locale (io ad esempio l’ho trovato recentemente in una scuola alberghiera).

Se vi capitasse di doverlo usare, potete trovate la sequenza di tutti i passaggi qui sotto, grazie al sito di LF ricambi.

Come fare la depurazione con il sale. Fase 1 e 2
Come fare la depurazione della macchina da caffè con il sale, fase 3 e 4

Come si fa la depurazione della macchina del caffè da bar con il sistema a timer

Stesso processo, ma molto più semplice da gestire per il barista, è quello automatico, o a timer.

Questo sistema si presenta molto diverso rispetto alla bombola di acciaio. E’ infatti composto da una “scatola” di plastica o vetroresina con un semplice coperchio.

L’interno di questa scatola contiene il filtro a resine che provvederà allo scambio ionico. Rispetto al sistema a levette lo farà però in automatico, senza bisogno di operazioni complesse e seguendo gli orari che abbiamo impostati sul timer, magari in piena notte quando la macchina e il bar non sono in funzione (quindi senza interrompere il lavoro). Nostro unico compito sarà versare nella scatola, più o meno una volta a settimana, il sale. 

Ma quale sale si deve usare per depurare la macchina da caffè? Troverete in commercio sacchi di sale da depurazione, di fatto sale grosso con un più basso grado di purezza (quindi contenente anche altri minerali che di solito lo rendono più amaro al gusto) altrimenti del normale sale da cucina (cloruro di sodio) andrà benissimo.

Un addolcitore a timer per la macchina da caffè. Togliendo il coperchio bianco si versa il sale all’interno, dalla scatola sopra si imposta il timer

I sistemi di depurazione macchina da bar a cartuccia

Negli ultimi anni anche questo settore ha conosciuto importanti evoluzioni, soprattutto tese a facilitare il compiti del barista. 

Una delle più rilevanti è costituita dai sistemi a cartuccia.

Adottando un sistema del genere, un vero e proprio depuratore automatico per macchina caffè, ci potremo proprio dimenticare di avere un sistema di depurazione per la macchina da caffè del nostro bar, perché non dovremo fare praticamente nulla.

O meglio, quasi nulla, ci sarà infatti richiesto, una volta l’anno circa (dipende sempre dai volumi di consumo) di cambiare la cartuccia, cioè la parte alta della bomboletta che viene installata e che vedete qui sotto.

I pro di questo sistema sono:

  • Facilità di uso
  • Possibilità di una depurazione più efficace grazie a diversi filtri che eliminano anche altre sostanze oltre a effettuare lo scambio ionico.

I contro sono:

  • Costo più alto (che spesso viene sobbarcato dal torrefattore, che lo riverserà sul costo del caffè)
  • Difficoltà a usare la stessa cartuccia per più apparecchi (per esempio macchina da caffè e macchina del ghiaccio
Il sistema per depurare acqua per la macchina da caffè a cartuccia Brita

Sistemi ancora più evoluti?

Negli ultimi anni sono stati portati avanti, nel mondo del caffè, numerosi studi sull’interazione fra acqua, i minerali disciolti in essa e il caffè. 

In seguito a questi studi sono stati sviluppati sistemi molto evoluti, come quelli a osmosi inversa, capaci di togliere tutti i minerali dal caffè, per poi re-imetterne solo una certa percentuale e un certo tipo, e, perfino metodi in cui l’acqua viene “costruita” partendo da un’acqua demineralizzata e aggiungendovi quindi minerali in bustina da disciogliervi

Il futuro è con noi, ma non dimentichiamoci che “fare il sale alla macchina” è solo uno dei passi della manutenzione della macchina da caffè al bar. Stiamo attenti, la qualità del nostro prodotto parte da qui.

Tags:
  • caffé
  • 1 Comment

    1. Perché si fa il sale alla macchina del caffé? « aprire un bar ha detto:

      […] Continua a leggere […]

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *