APRIRE UNA GELATERIA IN SPAGNA
29 gennaio 2015
CEDESI ATTIVITÀ DI BAR, SALUMERIA E BRASSERIE A REGGIO EMILIA
3 febbraio 2015

IL BAR CHE TOSTA IL CAFFÈ. UNA ESPERIENZA PRATICA CAPITOLO 2

Un piccolo bar veneto che da semplice caffetteria decide di cominciare a tostare il proprio caffè. Scopriamo investimenti, burocrazia e risposta del mercato. Tutto al profumo di caffè!

 

machine-coffeeIl bar con la torrefazione del caffè capitolo secondo, abbiamo intitolato questo post, perchè sullo stesso argomento avevamo già pubblicato un articolo, sull’esperienza di Luigi, un ragazzo pugliese che portava avanti la caffetteria, con torrefazione, di famiglia, post che trovate qui.

Pochi giorni dopo incontriamo due ragazzi che ad un altro capo d’Italia, in Veneto, portano avanti lo stesso messaggio antico e modernissimo: tostare il caffè direttamente nel bar, non abbiamo potuto fare a meno di porgere, anche a loro, alcune domande…

D. Se nel caso di Luigi la macchina tostatrice era nel locale da generazioni voi siete partiti solo recentemente, pochi mesi fa, con questo progetto. Dal punto di vista burocratico e sanitario, è stato difficile?
R. No, non veramente. Abbiamo presentato allo sportello unico per le imprese (il SUAP) la nostra SCIA, e loro ci hanno chiesto alcune modifiche, niente di complicatissimo, l’unica vera difficoltà sarebbe stata la canna fumaria, ma ci hanno permesso di metterne una piccola, con dei filtri, che non sfogava sul tetto bensì sul muro esterno. I condomini, per fortuna (caso rarissimo n.d.r.) non hanno fatto difficoltà particolari, altrimenti saremmo stati costretti a portare la canna fumaria fino a ben dopra il tetto, e chissà se ci sarebbe stato permesso. Per altro adesso, quando tostiamo il caffè, sono gli stessi condomini a sentire il profumo e a scendere per chiederci di acquistare “l’ultima tostata!”

D. Come vi siete orientati per la macchine tostatrice, quanto spazio serve? E il budget?
R. Il locale non è enorme, e anche questo, insieme al budget, ci ha portato ad orientarci su una macchina piccola, da 1kg di caffè per tostata, comunque perfetta per le nostre necessità. Abbiamo avuto fortuna, trovando una macchina usata in fiere ed esposizioni varie; ci è comunque costata, essendo una macchina di buon livello, 7000€. Oltre a questo poche altre spese, qualche piccolo bidone per il degasamento e lo stoccaggio…

D. Spesso ci parlano delle difficoltà di reperire il caffè verde, non tostato; condividete questo problema?
R. Sì, all’inizio, quando ancora non si conoscono i canali giusti non è facile. Le prime miscele di caffè verde ce le ha fornite la stessa ditta che ci ha venduto la macchina. Poi man mano abbiamo cominciato a guardarci intorno, frequentato fiere del settore, assaggiato, fatto corsi ( in effetti questa intervista è stata fatta durante un corso di tostatura e miscelazione n.d.r.) e ci si è aperto un vero mondo, con caffè straordinari!!

D. Come hanno recepito questa novità i vostri clienti?
R. All’inizio, onestamente, non se ne erano nemmeno accorti, poi man mano, arrivando in orari in cui usavamo la macchina, hanno cominciato a vedere, a mostrare curiosità e a chiedere, fino a domandarci quale era la miscela e la tostatura migliore per il caffè da moka, o da espresso etc., fino a chiederci se avevamo il caffè in capsule… ma quello proprio non lo facciamo!

D. Consigliereste questa scelta agli altri bar? 
R. Assolutamente sì! Ormai bisogna differenziarsi, e la parolina a cui bisogna sempre puntare in una attività come quella del bar è  novità, novità, novità!

10 Comments

  1. roberto ha detto:

    Dove si trova questo locale? Vorrei avere maggiori informazioni in quanto sono in procinto di aprire una cosa simile a Roma. Grazie per la risposta. Roberto

    • Daniele ha detto:

      Ciao Roberto, anch’io ho fatto un bar con tostatura artigianale, e vi garantisco che funziona alla grande, mi sono fatto aiutare da un azienda che aiuta nello start up chi vuole entrare in questo business, consiglia caffè crudo con miscele pregiate e inoltre fornisce macchine per la torrefazione e vari accessori, di ottima qualità ad un prezzo competitivo.
      Pui contattarli all’indirizzo:
      [email protected]

  2. nour ha detto:

    Salve.sono molto interessato ad avere una macchina tostatrice nel mio bare vorei maggiore informazione sul costo.
    Grazie.

    • Daniele ha detto:

      Ciao Nour, anch’io ho fatto un bar con tostatura artigianale, e vi garantisco che funziona alla grande, mi sono fatto aiutare da un azienda che aiuta nello start up chi vuole entrare in questo business, consiglia caffè crudo con miscele pregiate e inoltre fornisce macchine per la torrefazione e vari accessori, di ottima qualità ad un prezzo competitivo.
      Pui contattarli all’indirizzo:
      [email protected]

  3. Sorrentino Gino ha detto:

    Ciao Tutti

    Sono un italiano che vive all’estero ,mi piacerebbe sapere se esistono compagnie che producono tostatrici artigianale per il mercato estero, dove la corrente e’ 110. Grazie a tutti

    Saluti Gino

  4. Adolfo ha detto:

    Una macchina tostatrice eccezionale è la genius tostabar k1 , tosta 1,4 kg di caffè crudo in 16-19 minuti a seconda della tostatura chiara,media,scura ha un programma per la gestione del profilo di tostatura esclusivo e brevettato. Consuma pochissimo, solo 3,5 kw a pieno regime monofase 220volt ed ha una modulazione delle temperature brevettato che permette di ridurre ulteriormente la potenza assorbita con notevoli risparmi di energia. Ne ho installata una nel mio centro di formazione “fantastica” Adolfo Vallini “Centro studi formativi e di sviluppo”

    • Massimiliano ha detto:

      La genius la conosco bene.
      Ci ho lavorato per alcuni anni.
      Personalmente non la ritengo una buona macchina, non solo perché i programmi di tostatura (per quanto tu possa brevettarli) devono essere sempre rivisti in funzione delle miscele e delle annate, (il caffè è un prodotto naturale) ogni lotto non sarà mai uguale al precedente ma soprattutto perché la macchina ha un sistema di scarico pellicole per nulla valido, lascia sempre un caffè “sporco” che tradotto in caffè macinato oserei dire non buono.

  5. Ing. Angelo Napoli ha detto:

    Buonasera sono Angelo Napoli, amministratore della Ing. Napoli & C. Industrie Riunite srl, l’azienda che produce la Tostabar Genius K1. Seguo con interesse questo ed altri forum sul mondo del caffè. Cerco di intervenire sempre da appassionato, con il mio nome di battesimo, e mai da interessato, perché sono convinto che se i forum si trasformassero in vetrine pubblicitarie perderebbero l’indipendenza e quindi il loro enorme valore culturale. Mi trovo costretto mio malgrado ad intervenire per smentire quanto di falso è stato scritto in un commento: 1)i profili di tostatura di Tostabar sono personalizzabili dall’utente in quanto a durata, forma e temperatura di scarico. Non esiste al momento al mondo un’altra macchina da 3,5 kw in grado di farlo. Se una persona ci avesse lavorato per “alcuni anni” dovrebbe saperlo;
    2) Nel nostro laboratorio analisi controlliamo costantemente le performance delle nostre macchine. Metto a disposizione di chiunque i risultati secondo cui il sistema di raccolta delle pellicole di Tostabar, derivato dagli impianti industriali, priva il caffè tostato del 98% delle pellicole rilasciate durante l’aumento di volume, cioè praticamente tutte. Mi scuso ancora per l’intervento così diretto e consiglio a tutti di non trasformare il forum in un posto per fare della pubblicità gratuita ai propri prodotti e denigrare quelli degli altri.
    Grazie agli amministratori del forum per l’opportunità di risposta e a tutti per l’attenzione.

  6. Armando ha detto:

    Sono d’accordo con il Sign.Angelo

    Se una persona ci avesse lavorato per “alcuni anni” dovrebbe saperlo!

    perché sono convinto che se i forum si trasformassero in vetrine pubblicitarie perderebbero l’indipendenza e quindi il loro enorme valore culturale.

    la [email protected] non e’ un “azienda” affidabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *