PRENDERE UN BAR IN GESTIONE

venerdì 29th, ottobre 2010

Sono in molti che, per contenere l’investimento iniziale e fare esperienza, preferiscono un bar in gestione  ad uno in vendita. Ecco cosa c’è da sapere per prendere la gestione di un bar o ristorante.

nuova-gestione3Prendere un bar in gestione è come comprarne uno e richiede esattamente gli stessi passaggi, salvo naturalmente il fatto che non si acquista e quindi l’investimento è molto più contenuto. Per il resto gli obblighi sono gli stessi e nel periodo in cui il bar è sotto la nostra gestione siamo noi ad essere interamente responsabili.

Il primo passo resta quello di avere un’impresa, una società o una ditta individuale, che possa firmare con il proprietario il contratto di gestione.

Prima della firma naturalmente sarà opportuno fare tutte le valutazioni, esattamente come se volessimo comprare il locale. Si comincia valutando se il locale non presenta problemi sanitari o igienici, se le attrezzature sono in ordine e se registri e libri contabili sono in ordine e permettono una valutazione corretta e veritiera degli incassi.

Su questi incassi dovrà essere preparato il business plan, cioè la valutazione incassi-spese che dovrà essere scrupolosa e prudente, e che ci dirà, cifre alla mano, se è il caso di continuare in questo progetto (se il Business plan non torna prestate attenzione, potrebbe essere molto pericoloso!).

Nel preparare il business plan per un bar in gestione dovremo immettete nel calcolo anche gli investimenti per eventuali trasformazioni del locale che avete in mente. Questo calcolo, naturalmente, dovrà tener conto anche dell’affitto di gestione, vale a dire della cifra mensile che dovremo dare al proprietario del bar. Questa cifra può e deve essere contrattata proprio sulla base di questo business plan, che potrà dirci che cifra il bar sarà in grado di pagare con i suoi incassi permettendoci di gestire il locale  e nello stesso tempo di metterci in tasca un buon stipendio. Alla stesura del business plan viene dedicata un ampia parte dei nostri corsi di bar management e gestione dei bar.

Una volta fatti questi controlli, se siamo decisi ad andare avanti, firmeremo, di solito da un notaio, l’accordo in cui la gestione del bar passa a noi.

Da quel momento debiti, problemi con il personale, fiscalità, gestione dei fornitori e responsabilità verso terzi ricadono interamente su di noi, che dovremo quindi ottemperare sia all’HACCP sia alle leggi sulla sicurezza.

Chi ha scritto questo articolo?

Qualcosa su Gabriele Cortopassi

377 Comments on “PRENDERE UN BAR IN GESTIONE

  • Ciao Stefania,
    prima di prendere una decisione definitiva, assicurati che i ricavi dichiarati siano veritieri. Nel caso in cui decidessi di rilevarlo, vista la tua inesperienza, ti consiglio di assumere un dipendente che conosca il mestiere.
    In bocca al lupo. mimmo

    Reply
  • Ciao mimmo vorrei chiederti un parere mi hanno offerto un bar in affitto d’azienda 25000 euro annui incassi documentati per 100000 si parla di un bar con piccola ristorazione 90 mq 40 posti a sedere nella riviera romagnola tenuto aperto esclusivamente da pasqua a settembre(per pigrizia della precedente unica gestione) con possibilita’ di stare aperti tutto l anno. Secondo te calcolando tre dipendenti per la stagione estiva (3/4mesi) e tenendolo aperto da solo o al massimo un dipendente per il resto dell’anno… Potrebbe essere fattibile un buono stipendio?

    Reply
    • Ciao Marco,
      secondo me con un incasso medio giornaliero di di poco piu’ di 500€(100000€ : 180 gg), non solo non riuscirai a tirarci fuori uno stipendio, ma non riuscirai neanche a coprire le spese. Valuta, solamente se pensi di poter incrementare notevolmente gli incassi.

      Reply
  • Ciao, siamo un gruppetto di tre ragazzi (2 ragazzi e la mia compagna) diplomati all’istituto alberghiero dal 2010 vorremmo aprirci qualcosa ma purtroppo i fondi perduti della regione arrivano solo ad attività avviata…vorremmo sapere a quanto ammontano le spese per iniziare a gestire un locale..più che altro inps inail e iva..in quanto il rec già lo abbiamo avendo fatto la nostra scuola. grazie bellissimo articolo!

    Reply

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


− 5 = tre

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

I nostri corsi

  • State pensando di aprire un bar e volete farlo con competenza?
  • Siete già baristi ma non siete sodisfatti del vostro cappuccino o del vostro aperitivo?
  • State valutando di comprare un bar e volete essere sicuri di fare i passi giusti?
  • Volete individuare le strategie per aumentare gli incassi del vostro locale?

Mokaflor

Stai aprendo o hai già un bar? Lavora con la nostra Torrefazione

  • Vuoi far diventare il tuo bar il punto di riferimento per gli appassionati del caffè?
  • Vuoi proporre ai tuoi clienti la miscela che ha vinto i premi come miglior caffè in Germania e Indonesia?
  • Vuoi diventare un vero esperto di caffè di cui i clienti sentiranno di potersi fidare?
  • Vuoi offrire ai tuoi clienti il pianeta caffè, con oltre 70 diverse miscele e i caffè più particolari del mondo?
  • Vuoi proporre nel tuo bar una comunicazione esclusive e innnovativa?
  • Vuoi affiancarti con gli esperti di “aprire un bar”?
Se la tua attività è in Toscana o in Umbria vieni a scoprire la nostra torrefazione.

BLOG GEMELLO

visita il nostro blog gemello contiene molte informazioni
legati al mondo del caffè.

COURSES

From the 2007 “Aprire un bar” run courses about the world of Italian coffee, cappuccino and Latte art. The courses are held in the center of Florence. Do you want to discover the world of the Italian espresso and cappuccino? Are you planning a vacation in Florence and you want a different experience? Click here and come to discover our courses in English!